Sistema solare

Il pianeta Mercurio

Il pianeta Mercurio

mercurio È il pianeta più vicino al Sole e il più piccolo nel Sistema Solare. È più piccolo della Terra, ma più grande della Luna.

Il mercurio fa parte del cosiddetto pianeti interni o terrestre e non ha satelliti. È un pianeta molto denso, il secondo con la più alta densità nel Sistema Solare, dopo la Terra. Nella sua composizione chimica ci sono elementi metallici al 70%; Il resto sono silicati.

I romani lo chiamarono il loro dio del commercio, mercurio, che era anche un messaggero degli dei, perché si muoveva più velocemente degli altri pianeti. Per conto si applica anche all'elemento chimico mercurio, un minerale che rimane liquido a temperatura ambiente.

Caratteristiche del mercurio

Mercurio, il pianeta, gira intorno al Sole in meno di tre mesi. suo orbita È il più eccentrico tra i pianeti minori. Al contrario, ruota lentamente sul suo asse, una volta ogni 58 giorni e mezzo. Prima era più veloce, ma rallenta a causa dell'influenza gravitazionale del Sole.

Se fossimo posizionati sulla superficie mercuriana, il Sole ci sembrerebbe due volte e mezzo più grande. Il cielo, tuttavia, lo vedremmo sempre nero, perché non ha atmosfera in grado di diffondere la luce.

La tabella seguente mostra alcuni dati di base del pianeta Mercurio rispetto a quelli sulla Terra:

Dati di basemercurioLa terra
Dimensione: raggio equatoriale2.440 km.6.378 km.
Distanza media dal sole57.909.175 km.149.600.000 km.
Giorno: periodo di rotazione sull'asse 1.404 ore23.93 ore
Anno: orbita attorno al sole87,97 giorni365.256 giorni
Temperatura superficiale media167 º C15 º C
Gravità superficiale nell'equatore2,78 m / s29,78 m / s2

Quando un lato del pianeta è rivolto verso il Sole, la temperatura superficiale sale sopra i 400 ° C. Nelle aree d'ombra scende a 170 sotto zero. il poli di mercurio Hanno sempre molto freddo. Questo porta a pensare che potrebbe esserci dell'acqua (congelata, ovviamente).

il sollievo dal mercurio È molto simile a quello del nostro satellite, la Luna. Il paesaggio è pieno di crateri e crepe, in mezzo a molti segni causati dagli impatti dei meteoriti. I crateri più vecchi sono molto erosi, probabilmente a causa degli improvvisi sbalzi di temperatura. Il pianeta ha anche avuto attività vulcanica; lava formava bacini, depressioni e pianure simili a mari della nostra luna.

Si ritiene che Mercurio possa essersi formato oltre Marte, poiché rilascia più materia volatile di quanto corrisponderebbe a un pianeta così vicino al Sole. Potrebbe essere stato espulso dalla sua posizione precedente per qualche causa sconosciuta e intrappolato nella sua orbita corrente.

Il mercurio è ora molto vicino al Sole. Ecco perché, avendo un'orbita interna a quella della Terra, passa periodicamente di fronte alla nostra stella, così come Venere. Questo fenomeno si chiama transito astronomico.

L'interazione con il vento solare rivela che Mercurio è avvolto da uno strato magnetico, il magnetosfera. La presenza di questo campo magnetico indica che ha un nucleo metallico, parzialmente liquido, che occupa quasi la metà del volume del pianeta.

Una sorprendente rarità mercuriana è il fenomeno di doppia alba. In alcuni punti e momenti, il sole sorge, si ferma, si nasconde di nuovo e sorge di nuovo. In altri punti della superficie non si nasconde dopo essere partito, ma si ferma. Questo "arresto e inversione" del Sole si verifica dai quattro giorni precedenti al perielio fino ai quattro successivi, quando le velocità angolari orbitali e rotazionali del mercurio si equivalgono.

Scopri di più:
• Orbita di mercurio: doppia alba e avanzamento del perielio
• Il sollievo di Mercurio
• Ghiaccio ai poli di Mercurio


◄ PrecedenteAvanti ►
Pianeti rocciosiIl pianeta Venere