Astronomia

Cosa succede quando due buchi neri si scontrano?

Cosa succede quando due buchi neri si scontrano?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Ci sono molte ipotesi che dicono che ci sarà una collisione tra la Via Lattea e la galassia di Andromeda... quindi cosa succede quando due buchi neri si scontreranno?? E come influenzerà gli altri oggetti che ruotano intorno a loro??


Ci sono molte ipotesi che dicono che ci sarà una collisione tra la Via Lattea e la galassia di Andromeda... quindi cosa succede quando due buchi neri si scontreranno??

Ci sono alcune risposte nei link nel mio commento sopra copiato, qui e qui, ma è una domanda così divertente che ho pensato di rispondere comunque.

Con Andromeda e i buchi neri supermassicci della Via Lattea nei rispettivi centri, quegli oggetti sono così massicci che è probabile che non siano in gran parte influenzati da nessuna stella sul loro percorso e voleranno semplicemente l'uno verso l'altro a qualsiasi velocità e direzione dettati dalla gravità e quando si avvicinano abbastanza l'uno all'altro, la loro rispettiva gravità dovrebbe farli muovere abbastanza velocemente l'uno verso l'altro. Non so se qualcuno sa se orbiteranno l'uno intorno all'altro per un lungo periodo di tempo o se si avvicineranno a spirale abbastanza rapidamente. Dipenderà dall'angolo di approccio. È possibile che passino l'uno accanto all'altro, signorina e che ciascuno possa essere spedito lontano l'uno dall'altro, parte di un'enorme orbita l'uno intorno all'altro, impiegando forse miliardi di anni per portare a un'eventuale collisione.

Ci sono alcuni video simulati là fuori su cosa succede quando 2 buchi neri super massicci si avvolgono l'uno nell'altro. Eccone uno.

Con l'avvicinarsi dei buchi neri supermassicci, ciascuno di essi attraverserà circa la metà dell'altra galassia, interrompendo le orbite di tutte le stelle che incontrano, anche se probabilmente dovrebbero passare in meno di un anno luce per avere effetti significativi su la direzione della stella, cosa che non accadrebbe così spesso, ma accadrebbe.

Il Sagittario A è enorme per un buco nero, ma piuttosto piccolo rispetto allo spazio tra le stelle. Si stima che abbia un diametro di circa 44 milioni di KM, il che significa che si adatterebbe (appena) all'interno dell'orbita di Mercurio e del nostro Sole. Per lo più volerà oltre le stelle. Il buco nero supermassiccio di Andromeda potrebbe essere parecchie volte più grande, ma ancora abbastanza piccolo rispetto alla distanza tra le stelle che probabilmente passerà sulla strada verso la loro reciproca collisione.

È possibile che una o entrambe le stelle passino attraverso la galassia dell'altra relativamente libere da collisioni, ma è possibile che una o entrambe si avvicinino abbastanza a una stella da generare un grande disco di accrescimento. Mentre i buchi neri non hanno carica, i loro dischi di accrescimento sì, e se ciò accade, potrebbe essere un'interazione interessante e non molto ben compresa tra i 2 oggetti supermassicci e i loro dischi di accrescimento. Inoltre, mentre si muovono a spirale l'una verso l'altra, molte delle loro stelle vicine verranno proiettate in qualsiasi modo, alcune di esse, inevitabilmente all'interno, verso uno dei 2 buchi neri. Potrebbe essere uno spettacolo davvero impressionante.

Infine, mentre si fondono, il che potrebbe richiedere un bel po' di tempo se finissero per orbitare l'uno attorno all'altro, forse milioni, addirittura miliardi di anni. Se/quando si fondono, potrebbero esserci alcuni effetti delle onde gravitazionali curiosi e non molto ben compresi. piegamento e stiramento dello spazio come increspature. (La gravità piega già lo spazio, ma non in increspature misurabili. La nostra osservazione dello spazio deformato dalla gravità è una curva liscia.

Ripubblicherò questo articolo qui dai commenti che dicono che è possibile che 2 buchi neri si respingano a vicenda se piegano lo spazio in direzioni di rotazione opposte e si avvicinano l'uno all'altro su un piano di livello. Meno vicini e potrebbero comunque facilmente interrompere le orbite dei pianeti esterni, proiettando alcuni pianeti in ogni direzione.

E come influenzerà gli altri oggetti che ruotano intorno a loro??

Immagina le gelatine in una centrifuga per insalata che vanno il più velocemente possibile e rimuovi la parte superiore. Questo è fondamentalmente ciò che accadrà a tutte le stelle vicine. Entrambi i centri della galassia sono piuttosto affollati di stelle (e forse di diversi buchi neri) che orbitano attorno ai loro centri. L'assistenza gravitazionale di 2 oggetti super-massicci che si muovono l'uno verso l'altro sarà significativa e, in pratica, le stelle voleranno dappertutto. Le stelle hanno masse minuscole rispetto a quegli oggetti e potrebbero essere inviate in qualsiasi direzione.


Quando due buchi neri si avvicinano, orbiteranno l'uno intorno all'altro in modo estremamente rapido, aumentando notevolmente la forza della loro gravità. Nel corso di miliardi di anni, si avvicineranno sempre di più. Una volta che si avvicinano così tanto da non poter sfuggire alla gravità l'uno dell'altro, si fondono per diventare un buco nero più grande.


Cosa succede quando due buchi neri si scontrano?

Il 14 settembre 2015, i segnali di uno degli eventi più sbalorditivi e potenti dell'Universo hanno prodotto il più piccolo segnale in un paio di rivelatori, uno in Louisiana e uno nello stato di Washington. Avevano rilevato due oggetti già selvaggi, buchi neri, che si scontravano l'uno con l'altro.

Probabilmente hai familiarità con i buchi neri come aspirapolvere cosmici, ma sono un po' più complessi di così. Un aspetto fondamentale della teoria della gravità di Einstien è che le cose abbastanza pesanti cambiano effettivamente la forma dello spazio intorno a loro, e la gravità è il modo in cui sperimentiamo questa deformazione. I buchi neri sono regioni dello spazio così piccole e massicce da portare un punto di non ritorno, un "orizzonte degli eventi" oltre il quale lo spazio è così deformato che ogni percorso che qualsiasi cosa potrebbe percorrere conduce al centro del buco nero. Niente, nemmeno la luce, può sfuggire.

Quindi, quando due di questi oggetti si scontrano, puoi immaginare che accada qualcosa di fenomenale, e in effetti gli scienziati hanno misurato il risultato diverse volte utilizzando gli Osservatori di onde gravitazionali dell'interferometro laser, o LIGO, e il rilevatore Virgo. Per Giz Asks di questa settimana, abbiamo chiesto agli scienziati di darci il nocciolo della questione.


Cosa succede quando due buchi neri si scontrano?

Abbiamo posto questa domanda al cosmologo e astrofisico Professor Martin Rees, Università di Cambridge.

Martin - Una delle cose che abbiamo imparato negli ultimi 10 anni circa è che al centro di ogni galassia si annida un buco nero che è massiccio quanto un milione, o anche diversi miliardi, di soli. Non è del tutto chiaro come si sia formato questo buco nero, ma crediamo che la sua formazione sia avvenuta nello stesso momento in cui si è formata la galassia e che il buco nero è cresciuto con la crescita della galassia. Sappiamo anche che un modo in cui le galassie crescono è fondendosi l'una con l'altra: due piccole galassie si avvicinano e alla fine cadono insieme e formano una galassia più grande. Ora, se due galassie si fondono e ognuna ha un buco nero al centro, allora i buchi neri ovviamente si alimenteranno verso il centro del sistema comune e formeranno un binario orbitante l'uno intorno all'altro e la domanda allora è cosa succede? Pensiamo che ciò che accade è che varie forze di resistenza portano i fori abbastanza vicini che la cosiddetta radiazione gravitazionale porta via più energia. La radiazione gravitazionale è qualcosa che la teoria di Einstein prevede che accada ogni volta che un campo gravitazionale cambia rapidamente. Quindi, quando due buchi neri si avvicinano abbastanza, la radiazione gravitazionale da loro porta via molta energia e questo li avvicina sempre di più fino a quando alla fine si fondono in un unico buco nero. E nella coalescenza finale, viene emessa un'enorme esplosione di radiazione gravitazionale e questa è una sfida da rilevare. Ma gli eventi più grandi di tutti sarebbero le esplosioni gravitazionali di questi buchi neri super massicci che si fondono e ci sono piani per avere array nello spazio che potrebbero rilevare il leggero jitter nello spazio che si verifica quando questi buchi neri si fondono.

Diana - L'incontro di due buchi neri ne produrrà uno grande e produrrà anche molta energia sotto forma di onde gravitazionali. Ma questo accade quando i due buchi neri sono di dimensioni diverse.

Martin - Quindi crediamo che questi buchi neri siano fusi ed è per questo processo che alla fine alcuni di loro accumulano masse fino a 5 miliardi di volte la massa del sole. C'è un'altra conseguenza interessante. Negli ultimi anni è stato possibile fare calcoli su cosa accadrebbe quando due buchi neri si fondono e quando i buchi neri hanno una massa uguale, quindi si ottengono effetti piuttosto interessanti, vale a dire il rinculo. Il buco nero finale unito non si trova necessariamente al centro della galassia unita. Gli è stato dato un calcio e a volte questo calcio potrebbe essere abbastanza grande da espellere il buco nero unito dalla galassia in cui si trova. Quindi, l'ultimo pensiero che ti lascio è che potrebbero essere alcuni di questi enormi buchi neri che sfrecciano attraverso lo spazio intergalattico, avendo sono stati cacciati dall'enorme velocità di rinculo della galassia in cui si sono formati.

Diana - Quindi fai attenzione a un buco nero super massiccio che vola attraverso lo spazio come un colosso dei cieli molto scuro, molto pesante.


Cosa accadrebbe se due buchi neri entrassero in collisione?

Gli scienziati ritengono che l'interazione di due buchi neri potrebbe avere uno dei due risultati. Il primo è che si fondono insieme per formare un buco nero molto più massiccio. Il secondo è che, a causa della rotazione, i due buchi neri potrebbero interagire e allontanarsi l'uno dall'altro, facendone precipitare uno.

Ora abbiamo le prove che la seconda opzione si è verificata. Crediamo che al centro delle grandi galassie risieda un buco nero supermassiccio contenente centinaia di milioni di volte la massa del nostro Sole. Si pensa che questi buchi neri supermassicci ruotino a velocità fenomenali e, quindi, quando due galassie si scontrano, i loro buchi neri alla fine interagiranno. E gli scienziati dell'Istituto Max Planck per la fisica extraterrestre hanno osservato un buco nero che viene "espulso" dalla sua galassia madre interagendo con un buco nero più grande. Possiamo effettivamente pensarlo come due trottole. A seconda della velocità della loro rotazione, della loro dimensione e dell'angolo con cui si scontrano, potrebbero unirsi, o uno può essere ruotato fuori dall'altro. Sebbene entrambe le opzioni siano possibili, finora abbiamo solo prove della seconda, più estrema di queste opzioni.

Immagine per gentile concessione del Max Planck Institute for Extraterrestrial Physics

Tieniti aggiornato con ilultimo recensioni in All About Space –a disposizione ogni mese a soli £ 4,99. In alternativa puoi iscrivertiQui per una frazione del prezzo!


La spirale della morte dei buchi neri

I buchi neri sono i resti di stelle morte che sono collassate su se stesse, lasciando questi buchi neri incredibilmente densi che fluttuano minacciosi nel cuore delle galassie, divorando sempre più materia e crescendo in dimensioni e forza. La collisione di due buchi neri sarebbe l'ultimo rancore galattico, ma poiché nulla può sfuggire alla presa di un buco nero una volta che attraversa l'orizzonte degli eventi ("il punto di non ritorno"), è difficile sapere esattamente cosa accade quando due di questi fenomeni titanici si scontrano l'uno con l'altro.

Le teorie prevedono che quando due buchi neri iniziano a influenzarsi l'un l'altro gravitazionalmente, inizieranno a orbitare l'uno sull'altro, chiudendosi in una spirale sempre più stretta. Alla fine, i due buchi neri si fonderanno in un unico buco nero più grande, ma ci sarebbe un'incredibile quantità di energia prodotta da questa fusione. I buchi neri ruotano a velocità incredibilmente veloci (da 1/3 a 1/2 della velocità della luce, in alcuni casi) e sono spesso più di 100 milioni di volte più massicci del nostro Sole. Pertanto, esiste anche una teoria opposta, che dice che i due buchi neri possono interagire negativamente e allontanarsi l'uno dall'altro a causa della loro rapida rotazione.

Onde gravitazionali (Photo Credit: the_lightwriter / Fotolia)

Ci sono enormi nubi di gas magnetizzate che circondano qualsiasi buco nero, e quando gli incredibili campi magnetici e gravitazionali dei due buchi neri iniziano a interagire, formeranno un vortice a forma di imbuto sopra il disco di accrescimento del buco nero. Nelle fasi finali della collisione, i due buchi neri potrebbero orbitare a una velocità pari alla metà della velocità della luce, e infine unirsi in un'esplosione di energia che può essere percepita in tutto l'universo.

Quello che sappiamo è che quando i buchi neri si scontrano, rilasciano un'enorme quantità di onde gravitazionali, che sono in realtà responsabili della perdita di energia orbitale dei due buchi neri e dell'eventuale fusione. Queste onde gravitazionali vengono inviate verso l'esterno come un "flash" quando due buchi neri si scontrano, agendo come "ripple" attraverso il tessuto dello spazio-tempo. Queste onde rare possono essere rilevate da strumenti altamente sensibili sulla Terra, come quelli trovati presso il Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory (LIGO), una coppia di strumenti astronomici situati a Washington e in Louisiana, negli Stati Uniti.

Collisione del buco nero (Photo Credit: crystaleyestudio / Fotolia)

All'inizio del 2016, gli scienziati di LIGO hanno fatto la loro prima scoperta confermata di onde gravitazionali dalla collisione di due buchi neri a circa 1,3 miliardi di anni luce di distanza. Ciò significa che quei due buchi neri si sono scontrati quando le primissime piante si stavano sviluppando sulla Terra, quasi 650 milioni di anni prima che i primi animali si sviluppassero sul nostro pianeta. Quelle onde gravitazionali hanno impiegato così tanto tempo per attraversare la vastità dello spazio ed essere rilevate dagli esseri umani.

Altri strumenti come LIGO sono attualmente in costruzione in tutto il mondo, il che ci aiuterà a individuare le posizioni di altre collisioni di buchi neri. Questa nuova ossessione per la ricerca sui buchi neri ci offrirà spunti ancora più affascinanti sulla natura del cosmo e sulla verità dietro i fenomeni più misteriosi e spaventosi del nostro universo.


Cosa succede quando due buchi neri si scontrano?


Una collisione di un buco nero ha il potenziale per essere estremamente distruttiva. Credito immagine: NASA / Alain Riazuelo

Nonostante le enormi distanze tra le galassie, è inevitabile che, prima o poi, alcune di esse si scontrino l'una con l'altra.

Gli astronomi hanno già avuto l'opportunità di osservare due galassie in procinto di fondersi a seguito di una collisione, ma il risultato finale, che avviene dopo che i buchi neri supermassicci al centro di quelle galassie si sono scontrati, non è mai stato visto e rimane una specie di mistero.

Ora gli scienziati del Middlebury College nel Vermont e del California Institute of Technology credono di aver escogitato una nuova teoria per spiegare cosa succede.

Se sono corretti, il risultato finale di una collisione tra due buchi neri supermassicci è un'esplosione diversa da qualsiasi cosa sia mai stata vista prima, un evento di distruzione catastrofica che equivale a 100 milioni di supernove che esplodono simultaneamente.

L'esplosione sarebbe infatti così grande da squarciare la galassia e creare increspature nel tessuto stesso dello spazio-tempo stesso, come previsto dalla teoria della relatività generale di Einstein.

Coloro che desiderano assistere in prima persona a un tale evento, tuttavia, dovranno attendere a lungo: gli scienziati ritengono che i buchi neri supermassicci al centro delle due galassie che si stanno fondendo osservate non si schianteranno insieme per almeno un altro milione di anni.

Storie simili basate su questo argomento:


La collisione del buco nero potrebbe essere esplosa con la luce

In un primo momento, gli astronomi potrebbero aver visto la luce dalla fusione di due buchi neri, offrendo opportunità per conoscere questi misteriosi oggetti oscuri.

Quando due buchi neri si muovono a spirale l'uno intorno all'altro e alla fine si scontrano, inviano onde gravitazionali - increspature nello spazio e nel tempo che possono essere rilevate con strumenti estremamente sensibili sulla Terra. Poiché i buchi neri e le fusioni di buchi neri sono completamente oscuri, questi eventi sono invisibili ai telescopi e ad altri strumenti di rilevamento della luce utilizzati dagli astronomi. Tuttavia, i teorici hanno escogitato idee su come una fusione di buchi neri potrebbe produrre un segnale luminoso facendo irradiare materiale vicino.

Ora, gli scienziati che utilizzano la Zwicky Transient Facility (ZTF) di Caltech, situata presso l'Osservatorio di Palomar vicino a San Diego, potrebbero aver individuato quello che potrebbe essere proprio uno scenario del genere. Se confermato, sarebbe il primo bagliore luminoso conosciuto da una coppia di buchi neri in collisione.

La fusione è stata identificata il 21 maggio 2019 da due rilevatori di onde gravitazionali - il Laser Interferometer Gravitational-wave Observatory (LIGO) della National Science Foundation e il rilevatore European Virgo - in un evento chiamato GW190521g. Tale rilevamento ha permesso agli scienziati della ZTF di cercare segnali luminosi dalla posizione in cui ha avuto origine il segnale dell'onda gravitazionale. Questi rilevatori di onde gravitazionali hanno anche individuato fusioni tra oggetti cosmici densi chiamati stelle di neutroni e gli astronomi hanno identificato emissioni di luce da tali collisioni.

I risultati della ZTF sono descritti in un nuovo studio pubblicato sulla rivista Physical Review Letters. Gli autori ipotizzano che i due buchi neri partner, ciascuno diverse decine di volte più massiccio del Sole, stessero orbitando attorno a un terzo buco nero supermassiccio che è milioni di volte la massa del Sole e circondato da un disco di gas e altro materiale. Quando i due buchi neri più piccoli si sono fusi, hanno formato un nuovo buco nero più grande che avrebbe subito un calcio e sarebbe partito in una direzione casuale. Secondo il nuovo studio, potrebbe aver solcato il disco di gas, facendolo illuminare.

"Questo rilevamento è estremamente eccitante", ha affermato Daniel Stern, coautore del nuovo studio e astrofisico del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, che è una divisione del Caltech. "Ci sono molte cose che possiamo imparare su questi due buchi neri che si fondono e sull'ambiente in cui si trovavano in base a questo segnale che hanno creato inavvertitamente. Quindi il rilevamento da parte di ZTF, insieme a ciò che possiamo imparare dalle onde gravitazionali, apre una nuova strada per studiare sia le fusioni di buchi neri che questi dischi attorno a buchi neri supermassicci."

Gli autori notano che mentre concludono che il brillamento rilevato da ZTF è probabilmente il risultato di una fusione di buchi neri, non possono escludere completamente altre possibilità.


Cosa succede quando due buchi neri si incontrano?

Quando due anomalie nello spazio-tempo si scontrano, che tipo di confusione possono produrre? Lo vedremo? Scoprilo in questo QotW supermassiccio! Inoltre, chiediamo perché alcuni oggetti rimangono sfocati nello specchio.

In questo episodio

00:00 - Cosa succede quando due buchi neri si scontrano?

Cosa succede quando due buchi neri si scontrano?

Abbiamo posto questa domanda al cosmologo e astrofisico Professor Martin Rees, Università di Cambridge.

Martin - Una delle cose che abbiamo imparato negli ultimi 10 anni circa è che al centro di ogni galassia si annida un buco nero che è massiccio quanto un milione, o anche diversi miliardi, di soli. Non è del tutto chiaro come si sia formato questo buco nero, ma crediamo che la sua formazione sia avvenuta nello stesso momento in cui si è formata la galassia e che il buco nero è cresciuto con la crescita della galassia. Sappiamo anche che un modo in cui le galassie crescono è fondendosi l'una con l'altra: due piccole galassie si avvicinano e alla fine cadono insieme e formano una galassia più grande. Ora, se due galassie si fondono e ognuna ha un buco nero al centro, allora i buchi neri ovviamente si alimenteranno verso il centro del sistema comune e formeranno un binario orbitante l'uno intorno all'altro e la domanda allora è cosa succede? Pensiamo che ciò che accade è che varie forze di resistenza portano i fori abbastanza vicini che la cosiddetta radiazione gravitazionale porta via più energia. La radiazione gravitazionale è qualcosa che la teoria di Einstein prevede che accada ogni volta che un campo gravitazionale cambia rapidamente. Quindi, quando due buchi neri si avvicinano abbastanza, la radiazione gravitazionale da loro porta via molta energia e questo li avvicina sempre di più fino a quando alla fine si fondono in un unico buco nero. E nella coalescenza finale, viene emessa un'enorme esplosione di radiazione gravitazionale e questa è una sfida da rilevare. Ma gli eventi più grandi di tutti sarebbero le esplosioni gravitazionali di questi buchi neri super massicci che si fondono e ci sono piani per avere array nello spazio che potrebbero rilevare il leggero jitter nello spazio che si verifica quando questi buchi neri si fondono.

Diana - L'incontro di due buchi neri ne produrrà uno grande e produrrà anche molta energia sotto forma di onde gravitazionali. Ma questo accade quando i due buchi neri sono di dimensioni diverse.

Martin - Quindi crediamo che questi buchi neri siano fusi ed è per questo processo che alla fine alcuni di loro accumulano masse fino a 5 miliardi di volte la massa del sole. C'è un'altra conseguenza interessante. Negli ultimi anni è stato possibile fare calcoli su cosa accadrebbe quando due buchi neri si fondono e quando i buchi neri hanno una massa uguale, quindi si ottengono effetti piuttosto interessanti, vale a dire il rinculo. Il buco nero finale unito non si trova necessariamente al centro della galassia unita. Gli è stato dato un calcio e a volte questo calcio potrebbe essere abbastanza grande da espellere il buco nero unito dalla galassia in cui si trova. Quindi, l'ultimo pensiero che ti lascio è che potrebbero essere alcuni di questi enormi buchi neri che sfrecciano attraverso lo spazio intergalattico, avendo sono stati cacciati dall'enorme velocità di rinculo della galassia in cui si sono formati.

Diana - Quindi fai attenzione a un buco nero super massiccio che vola attraverso lo spazio come un colosso dei cieli molto scuro, molto pesante.


Cosa succede quando due buchi neri si scontrano? - Astronomia


Due buchi neri prima che si scontrino e uno dopo

Usa l'argilla per modellare cosa succede quando due buchi neri si scontrano.

  • Due palline di polistirolo con raggio 1 pollice (2,5 cm) (qualsiasi dimensione ragionevole andrà bene)
  • Una pallina di polistirolo con il doppio del raggio delle due palline sopra.
  • Quattro bulloni, circa 0,75 pollici di lunghezza e 1/4 di pollice di diametro. (Dovrebbero inserirsi in un foro praticato nella sfera di polistirolo)

Arrotolare l'argilla in un cilindro.

Tagliare il cilindro in tre pezzi un pezzo 0,8 della lunghezza del cilindro e due pezzi 0,1 della lunghezza del cilindro.

Arrotolare i tre segmenti in sfere. (Vedi immagine nella parte superiore della pagina.)

Se il raggio delle sfere piccole è r = 1, allora il raggio della sfera grande è R = 2.

I buchi neri hanno un raggio, r, noto come raggio di schwartzchild

Il raggio di un buco nero è proporzionale alla sua massa, M.

G è la costante gravitazionale universale

Quando due buchi neri con la stessa massa e quindi raggio si scontrano e combinano la massa del buco nero risultante è doppia di quella di ciascuno dei buchi neri originali, quindi il raggio del nuovo buco nero è doppio di quello dei buchi neri originali.

Questo mostra quanto siano strani i buchi neri, se si scontrano due sfere di argilla la sfera risultante ha il doppio della massa e un raggio della sola radice cubica di 2 circa 1,26 volte il raggio. Inoltre la tua sfera con il doppio del raggio ha otto volte la massa di ciascuna sfera, non solo il doppio.

Per creare un modello leggermente migliore, praticare un foro in ciascuna delle palline di polistirolo più piccole e inserire un bullone nel foro (se necessario, utilizzare colla a base d'acqua o hot melt).

Praticare due fori sui lati opposti della sfera più grande e inserire un bullone in ciascun foro.

Quando hai finito avrai due palline di massa 1 e una palla con il doppio del raggio di massa 2. (Dato che il polistirolo pesa così poco rispetto al peso dei bulloni.)

Il volume, V , di una sfera di raggio R è

Quale sarebbe la massa di un buco nero con un raggio di 2 pollici o 5 cm?

M = r c^2/2 G = 0,05 x (3 x 10^8)^2 / 6,67 x 10^-11 = 10^26 kg circa 10 volte la massa della terra.


Guarda il video: Таких Жен Вы Точно Еще не Видели Топ 10 (Luglio 2022).


Commenti:

  1. Gilchrist

    Capito, grazie mille per le informazioni.

  2. Milton

    Complimenti, che parole...ottimo pensiero

  3. Athmarr

    È d'accordo, messaggio piuttosto utile

  4. Mikazahn

    Argomento tempestivo

  5. Roslyn

    Secondo me, ha torto. Sono sicuro.Propongo di discuterne. Scrivimi in PM, ti parla.

  6. Farrin

    Penso che questa sia un'idea geniale.

  7. Trumbald

    Qualsiasi cosa.



Scrivi un messaggio