Astronomia

Radioastronomia amatoriale: proposte di piatti

Radioastronomia amatoriale: proposte di piatti

Che tipo di radioastronomia amatoriale può fare qualsiasi cittadino interessato con:

a) Un'antenna parabolica di 2 m. b) Un'antenna di 2,5 m. c) Un'antenna di 3 m. d) Un'antenna di 5 m. e) Un'antenna >5 m <10 m (probabilmente non posso permettermi questa o la precedente ma voglio solo sapere… ).

Certo, lo spazio a volte è un problema logistico per cose grandi, ma mi chiedevo che tipo di oggetti o fonti si può fare con strumenti adatti e con un aiuto sufficiente se non un esperto. Progetti e link sarebbero i benvenuti!


La dimensione del tuo piatto determina due cose:

  1. Insieme alla temperatura della tua elettronica, determina il rapporto segnale-rumore del tuo telescopio.
  2. La dimensione del tuo piatto determina il risoluzione angolare puoi aspettarti. Questo ha una relazione approssimativa di $$ R = lambda / D$$ dove $R$ è la tua risoluzione angolare, $lambda$ è la tua lunghezza d'onda della luce e $D$ la larghezza della tua apertura (parabola).

Invece di parlare della dimensione del piatto, parliamo di cose interessanti da guardare e vedere quali sono i requisiti:

Il Sole

Il sole è una buona fonte di onde radio nella lunghezza d'onda di 10 cm. Poiché il sole è di circa mezzo grado, avremmo bisogno di una parabola di almeno 11,5 metri prima che ci si possa aspettare di vedere il sole come qualcosa di più di una sorgente puntiforme.

Giove

Giove ha alcuni effetti del campo magnetico che producono onde radio nella gamma di lunghezze d'onda di 10-100 cm. Ovviamente Giove ha un diametro di 50 secondi d'arco e avrebbe bisogno di una parabola di 412 metri di diametro per ottenere qualsiasi quantità di risoluzione.

Sfondo cosmico a microonde

La CMB è stata una delle prime misurazioni delle onde radio dallo spazio. Il picco più forte del CMB è nella lunghezza d'onda di 1 mm. Tuttavia è molto debole. Gli investigatori originali hanno raffreddato il loro rivelatore radio con elio liquido, e immagino che sarebbe necessario qualcosa di simile.

Sorgenti terrestri e artificiali

Ci sono un sacco di sorgenti radio artificiali. Gli aeroporti hanno un emettitore di onde radio nel raggio di 10 cm per il radar. Ci sono molti satelliti geosincroni lungo il piano equatoriale che utilizzano la banda X nell'intervallo di ~2-5 cm. Questi per definizione hanno un segnale abbastanza forte da essere visti dalla Terra anche con una piccola parabola.

Sommario

Il potere risolutivo è probabilmente fuori dalla portata di un radioastronomo amatoriale poiché i piatti devono essere molto grandi, oppure è necessario utilizzare un molto più sofisticato interferometria radio metodo per ottenere qualsiasi risoluzione angolare. Puoi comunque vedere le cose come sorgenti puntiformi nel cielo se sei così incline. Un eccellente esempio di ciò che è probabilmente realizzato dalla maggior parte delle persone sarebbe questo progetto qui.


Ho una parabola con banda C mesh da 2,4 metri usata che ho preso gratuitamente e che convertirò per osservare la linea dell'idrogeno di 21 cm a 1420 MHz. Sono stato fortunato con questo piatto in quanto è in condizioni pari al nuovo, ma devi essere consapevole di eventuali arrugginimenti e danni alla rete che distorceranno i tuoi dati. Sto montando il mio nel mio cortile su un palo d'acciaio da 75 mm a 2 metri dal suolo rivolto verso l'alto. Questo serve per eseguire scansioni della deriva del meridiano, quindi non è necessario disporre di una parabola mobile, la rotazione del pianeta lo fa per te.

La linea dell'idrogeno può essere utilizzata per osservare oggetti dello spazio profondo che emettono forti segnali della linea dell'idrogeno. L'osservazione di questo spettro dalla Via Lattea è un esempio, così come la galassia Cygnus A e altri.

I vecchi grandi (da 2 a 3 metri circa) parabole in banda C un tempo usati per la TV satellitare, ora in gran parte sostituiti da piatti in banda Ku più piccoli, possono essere ritirati per circa AU $ 100 o anche gratuitamente dai cortili di casa. Questi sono utilizzati in numerosi progetti di radioastronomia amatoriale, in particolare per la linea da 21 cm.

Una volta che hai il piatto, in genere dovrai:

Sostituzione del blocco a basso rumore (LNB). L'LNB è attaccato alla parte superiore dei montanti della parabola. Dovrai sostituirlo con uno realizzato appositamente per 1420MHz. Puoi creare il tuo LNB con i dettagli su http://www.setileague.org/hardware/feedchok.htm. Su quel sito c'è un foglio Excel con le variabili per aggiustare alcune delle misure dell'LNB.

L'LNB per la linea dell'idrogeno consiste fondamentalmente in un tubo di alluminio (guida d'onda) chiuso a un'estremità. All'interno del tubo c'è la sonda dell'antenna, che è solo un'asta di ottone - la lunghezza e il posizionamento variano a seconda dei progetti che ho visto, ma la guida SETI sopra dovrebbe essere OK. La sonda è saldata al pin centrale del connettore del cavo coassiale montato sulla guida d'onda. Di nuovo, fare riferimento alla pagina SETI sopra.

Puoi anche acquistarne uno già pronto da https://www.radioastronomysupplies.com/store/p22/1420_MHz._CYLINDRICAL_FEEDHORN_AND_CHOKE.html

Avrai bisogno di un amplificatore a basso rumore (LNA) per 1420 MHz. L'LNA avrà bisogno di un guadagno > 30dB e una cifra di rumore (NF) di circa 0,3 dB o inferiore. Più alto è il guadagno (sensibilità) e più basso è il NF, meglio è, anche se ovviamente a un prezzo. L'LNA deve essere montato sul cavo coassiale collegato alla sonda dell'antenna LNB all'interno della guida d'onda LNB. Più vicino è meglio è. Non ho collegamenti con i rifornimenti di radioastronomia, ma hanno anche quello che sembra essere un LNA decente per la linea dell'idrogeno:

https://www.radioastronomysupplies.com/store/p9/1420_MHz._HIGH_PERFORMANCE_LNA.html

Un altro LNA realizzato per 1420MHz

Un ricevitore. Il ricevitore consente di interpretare il segnale proveniente dall'LNA. Ho acquistato un dongle USB Software Defined Radio (SDR) economico (AU $ 30) per la mia configurazione che fungerà da ricevitore. In particolare un blog RTL-SDR R820T2 RTL2832U 1PPM TCXO SMA Software Defined Radio

Un esempio di tale utilizzo è su https://www.rtl-sdr.com/hydrogen-line-observation-with-an-rtl-sdr/

Ulteriori discussioni su SDR per l'osservazione della linea dell'idrogeno sono su https://www.rtl-sdr.com/rtl-sdr-for-budget-radio-astronomy/

Il dongle SDR si collega alla linea coassiale dall'LNA. È quindi possibile collegare il dongle SDR alla porta USB del computer. Fare attenzione alla lunghezza della linea coassiale poiché le linee più lunghe perderanno dati. Un'alternativa è discussa di seguito.

Software per osservare i dati. Esistono numerose applicazioni open source per la ricezione di SDR. Forse il più popolare per SDR: la radioastronomia è SDR#

Utilizzo di un Raspberry Pi 3 B+ come server dal piatto. Un'alternativa all'utilizzo del cavo coassiale dall'LNA all'SDR sul computer consiste nell'avere un Raspberry Pi 3 B+ (RPi) che funge da server per inviare i dati al computer tramite cavo Ethernet, anziché cavo coassiale. Questo ha una serie di possibili vantaggi, inclusa una perdita di dati molto inferiore o nulla a seconda del cavo e della lunghezza. Userò un cavo Cat6 fino a circa 20-30 metri. Il cavo si collega alla porta Ethernet RPi RJ45. Il dongle SDR si collega a una porta USB RPi. L'LNA si collega al dongle SDR direttamente tramite i connettori/adattatori coassiali.

Questa configurazione può essere montata sull'asta di montaggio per la parabola contenuta in una scatola resistente alle intemperie e ventilata, qualcosa del genere Dovresti quindi pensare ad alimentare questa configurazione.

Attualmente sto esaminando Power Over Ethernet (POE) per RPi 3 B+, ​​possibilmente utilizzando RPi POE HAT quando verrà rilasciato quest'anno. Quindi potresti prendere l'alimentazione dall'RPi e utilizzare il convertitore boost a 9v o 12v per alimentare l'LNA preferito. così come tutte le ventole di raffreddamento da 5 V che hai nella tua scatola.

Quindi quando ti connetti all'RPi dal tuo computer (ad esempio usando SSH) dovresti essere impostato per ricevere dati. L'altro vantaggio di questa configurazione è che poiché l'RPi funge da server connesso a Internet, puoi accedere al tuo piatto da qualsiasi parte del mondo con una connessione Internet. C'è qualche discussione su questo qui, qui e qui


Un semplice radiotelescopio da 11,2 GHz (parte HW)

Riassunto: In questo post descriviamo la costruzione di un piccolo radiotelescopio amatoriale operante alla frequenza di 11,2 GHz. La costruzione del radiotelescopio si avvale del mercato della TV satellitare che ha reso facile ed economico reperire antenne a riflettore parabolico con relativo illuminatore (corno di alimentazione) e blocco LNB (amplificatore-convertitore di frequenza a basso rumore). Le prestazioni di uno strumento simile sono naturalmente piuttosto limitate, tuttavia consentono comunque di effettuare interessanti osservazioni di alcune delle radiosorgenti più intense.

Introduzione

La radioastronomia è una scienza difficile e affascinante. Richiede l'uso di antenne ingombranti e costose, utilizza sofisticate tecnologie radio-elettroniche e sofisticati algoritmi per l'elaborazione del segnale. A prima vista sembrerebbe completamente fuori dalla portata di un “dilettante”. In realtà è possibile effettuare interessanti osservazioni radioastronomiche anche a livello amatoriale.
Sul nostro sito abbiamo già descritto alcuni progetti di radioastronomia per applicazioni specifiche:

Ora vogliamo provare a realizzare un radiotelescopio “amatoriale” basato sul principio del radiometro. Non è certo questa la sede per dare informazioni dettagliate su radioastronomia e radiotelescopi (in rete ci sono molte informazioni e testi specifici), quindi ci limitiamo a fornire alcuni spunti sui punti principali che ci hanno guidato nella costruzione di il radiotelescopio.

La radioastronomia studia i corpi celesti analizzando le onde radio emesse dagli oggetti nel cielo: qualsiasi oggetto emette onde elettromagnetiche attraverso vari processi fisici (termici e non), queste onde vengono captate dall'antenna e analizzate con strumenti appropriati: in generale le caratteristiche del segnale catturato non sono diverse da quelle che caratterizzano a rumore elettrico ad ampio spettro. Lo scopo del radiotelescopio è raccogliere questa radiazione e misurare la potenza del segnale, tale strumento è chiamato radiometro. Per la precisione si parla di potenza per unità di area e per unità di larghezza di banda ed è espressa in Jansky: 1Jy = 10 -26 W/m2 Hz.

La gamma di frequenze radio utili per le osservazioni radioastronomiche è compresa tra 20 MHz e a proposito di 20 GHz: sotto i 20 MHz c'è assorbimento da parte della ionosfera, sopra i 20 GHz c'è assorbimento da parte dei gas presenti nell'atmosfera.

Per scegliere la banda di frequenza più adatta per un radiotelescopio amatoriale bisogna fare un compromesso tra le possibilità di osservazione e i vincoli di costo e fattibilità. Lo spettro di frequenza delle emissioni radiosorgenti dipende dal processo fisico sottostante: per le emissioni “termiche” come il sole o la luna, l'intensità segue il legge del corpo nero con massimi alle alte frequenze (secondo l'approssimazione di Rayleigh-Jeans io 1/λ 4 ), mentre per le emissioni non termiche (ad esempio emissione di sincrotrone) i massimi sono a frequenze inferiori, come si può vedere nel grafico sottostante che mostra l'intensità di alcune radiosorgenti in funzione della frequenza.

Come sappiamo le dimensioni dell'antenna sono legate alla lunghezza d'onda della radiazione da ricevere, inoltre la nostra antenna deve essere sufficientemente direttiva, altrimenti sarebbe praticamente inutile: questo significa che per ricevere frequenze inferiori a 1 GHz le dimensioni dell'antenna dovrebbero essere significativamente maggiore di 1 m: le antenne di grandi dimensioni sono costose e difficili da spostare.
Un altro aspetto da considerare è l'interferenza radio esterna. L'etere, soprattutto in città, è ormai saturo di trasmissioni e segnali RF dalla provenienza più eterogenea: diffusione radiofonica e televisiva, reti cellulari, reti WiFi, disturbi da linee elettriche, ecc …. Non avendo la possibilità di installare il radiotelescopio in luoghi “quiet” dobbiamo scegliere una banda di frequenza che non sia troppo disturbata.

Per i motivi sopra descritti, la scelta è quasi obbligata: il Banda di frequenza 10-12 GHz è quello che sembra più adatto per un progetto amatoriale come il nostro. A queste frequenze possono essere riutilizzate antenne a riflettore parabolico e dispositivi progettati per la televisione satellitare. I costi delle apparecchiature sono abbordabili, la risoluzione spaziale dell'antenna è abbastanza buona e l'interferenza è bassa (sostanzialmente trasmettendo i satelliti) e facilmente evitabile.
Lavorare a frequenze più basse permetterebbe di ricevere facilmente più sorgenti radio ma con un notevole aggravio in termini di costi, per non parlare del problema delle interferenze.

Antenna parabolica

L'antenna che abbiamo trovato sul mercato dell'usato è una piatto di primo piano con un diametro di 120 cm. Per le applicazioni di radioastronomia è meglio che la parabola sia del tipo a fuoco primo: in queste antenne la tromba di alimentazione è posta nel fuoco della parabola. Nelle parabole di tipo offset, il feed-horn non è posto al centro ma di lato, questo tipo ha vantaggi costruttivi ma è più difficile puntare alla sorgente rispetto al fuoco primario.

Per questa antenna possiamo calcolare il guadagno e la direttività intesi come metà larghezza di banda di potenza HPBW (metà larghezza di banda di potenza) :

G = η*(π*D/λ) = 40 dB

HPBW = 65*λ/D = 1,45°

Dove
η : efficienza = 0,5
D : diametro = 120 cm
λ : lunghezza d'onda = 2,68 cm (corrisponde a 11,2 GHz)

Le immagini sottostanti mostrano l'antenna e la struttura metallica utilizzata per la movimentazione manuale.

Il primo componente del sistema è il blocco convertitore-amplificatore, il cosiddetto LNB. Questo è il componente più importante perché le prestazioni del sistema dipendono in gran parte da esso. Il nostro sistema riceve nella banda 10-12 GHz, a queste frequenze l'utilizzo dei cavi è problematico, per questo motivo il blocco LNB prevede una down conversion di frequenza in una banda inferiore in modo da poter utilizzare normali cavi coassiali.
L'immagine seguente mostra lo schema di base del blocco LNB: c'è un primo Stadio di amplificazione RF, seguito dal mixer che moltiplica il segnale RF con il segnale generato da a oscillatore locale (LO). Il segnale risultante contiene le frequenze somma e differenza, il filtro successivo elimina le componenti somma ad alta frequenza per far passare solo le frequenze nella banda di interesse, chiamata frequenze intermedie (IF), che vengono ulteriormente amplificati da un altro stadio amplificatore. In pratica si tratta di uno schema eterodina, in cui è fissata la frequenza dell'oscillatore locale.

Il blocco LNB che usiamo è Invacom's SNF-031 modello che ha rumore basso e buona stabilità dei parametri di guadagno rispetto alle variazioni della temperatura di esercizio. L'antenna vera e propria si trova all'interno della guida d'onda che presenta all'esterno una flangia C120 alla quale è fissata la tromba di alimentazione, che ha il compito di raccogliere le onde riflesse dalla parabola e convogliarle all'interno della guida d'onda.

  • Banda di frequenza operativa: 10,7 – 12,75 GHz
  • Frequenze intermedie (IF): 950 – 2150 MHz, LO = 9,75 GHz
  • Figura di rumore NF = 0,3 dB
  • Guadagno G = 50 – 60 dB

Le immagini seguenti mostrano il blocco LNB con la sua tromba di alimentazione fissata al fuoco della parabola.

Il ricevente

Il ricevitore è costituito dai pochi componenti, mostrati nell'immagine seguente: c'è un bias-T per alimentare il blocco LNB, un filtro passa-banda centrato a 1420 MHZ, un amplificatore a larga banda e il Ricevitore Airspy R2 SDR. La parte “hardware” ha la funzione di limitare la banda ricevente e dare al segnale una seconda amplificazione dopo lo stadio LNB. Il segnale viene poi acquisito da Airspy e successivamente elaborato per la determinazione della potenza totale utilizzando GNURadio Software. Il radiometro la funzione è praticamente realizzata tramite software.

Caratteristiche del nostro ricevitore:
Banda di frequenza = 80 MHz
GLNB = 55 dB NFLNB = 0,3 dB
GFiltro = 3,5 dB (perdita di inserzione)
Gampli = 15 dB NFampli = 0,75 dB
Guadagno: GLNB – GFiltro + Gampli = 55 -3,5 +15 = 66,5 dB
Figura di rumore: F = FLNB + (Faampli – 1)/SOLLNB = 0,3 dB
Te = (FA – 1) * T0 = 20,3 °K (temperatura equivalente del ricevitore)

Bias-T

Il Bias-T ha la funzione di “iniettare” la tensione di alimentazione al blocco LNB lungo il cavo coassiale. In pratica si tratta di un semplice circuito con un condensatore di accoppiamento per filtrare la componente DC verso il lato RF e un'induttanza all'ingresso DC. Acquistato su eBay, può essere facilmente autocostruito ma bisogna prestare attenzione alla qualità “RF” dei componenti e della schermatura.

Filtro passa banda 1420 MHz

Questo filtro è dedicato ai radioastronomi amatoriali interessati alle osservazioni della riga dell'idrogeno. Utilizza il componente SAW TA2494A e misura solo 50 x 10 mm. È dotato di cuscinetti per bordi per una facile saldatura di uno schermo RF. La perdita di inserzione è in genere inferiore a 3,5 dB e larghezza di banda 80 MHz.

Dati tecnici :
Frequenza centrale 1420MHz
Passabanda utilizzabile 1380-1460 MHz
Perdita di inserzione, da 1380 a 1460 MHz 3.5dB
Ripple di ampiezza, da 1380 a 1460 MHz 1,0 dBpp
ROS, da 1380 a 1420 MHz 1,9:1
Reiezione riferita a 0dB :
CC a 1300 MHz 28 dB
Da 1550 a 3000 MHz 30 dB
Impedenza 50Ω
Livello massimo di potenza in ingresso 10 dBm

Nelle immagini sotto mostriamo l'unità e la sua risposta in frequenza. Abbiamo saldato due fili tra i connettori femmina SMA e abbiamo avvolto il filtro con nastro di alluminio per schermare il filtro.

Frequenza (MHz) Guadagno (dB)
1300 -50
1420 -3.5
1500 -50

Amplificatore a banda larga

Questa unità HAB-FLTNOSAW costruita da UPUTRONICS è un preamplificatore progettato per passare tra un ricevitore radio definito dal software e un'antenna. L'LNA utilizzato all'interno è un MiniCircuits PSA4-5043. Questo particolare modello ha il filtro SAW rimosso per coprire da 0,1 MHz a 4 GHz. Ci sono 2 opzioni per alimentare l'unità: tramite l'intestazione USB o tramite bias-tee. Dispositivi come Airspy possono abilitare il bias-tee e alimentare il dispositivo. In alternativa è possibile utilizzare qualsiasi cavo mini USB per alimentare il dispositivo. Abbiamo scelto di alimentare l'unità tramite linea USB.

Dati tecnici :
Guadagno 24db @ 100MHz -> 15,2 dB a 1415 MHz
NF 0,75dB
Tensione di alimentazione USB o Bias tee 5V

Nelle immagini sotto mostriamo l'unità e la sua risposta in frequenza.

Frequenza (MHz) Guadagno (dB)
1300 16
1420 15
1500 14

Ricevitore Airspy R2 SDR

Dal sito del produttore: L'Airspy R2 stabilisce un nuovo livello di prestazioni nella ricezione delle bande VHF e UHF grazie alla sua architettura low-IF basata sul Chip Rafael Micro R820T2 e un ADC di sovracampionamento a 12 bit di alta qualità e DSP all'avanguardia. In modalità Oversampling, Airspy R2 applica filtri RF e IF analogici al percorso del segnale e aumenta la risoluzione fino a 16 bit utilizzando la decimazione del software. La copertura può essere estesa alle bande HF tramite il compagno up-converter SpyVerter (non utilizzato da noi). Airspy R2 è compatibile al 100% con tutti i software esistenti, incluso lo standard di scansione SDR #, ma anche con una serie di popolari applicazioni radio definite dal software come SDR-Radio, HDSDR, GQRX e Radio GNU. Anche la stabilità e la precisione dell'orologio per l'oscillatore locale, data a 0,5 ppm, è importante per la nostra applicazione.

Caratteristiche principali del ricevitore AirSpy SDR:
● Continuo 24 – 1700 MHz gamma RX nativa, fino a DC con l'opzione SpyVerter (non utilizzata)
● 3.5 dB NF tra 42 e 1002 MHz
● Ingresso RF massimo di +10 dBm
● Monitoraggio dei filtri RF
● Front-end RF IIP3 da 35 dBm
ADC a 12 bit a 20 MSPS (10.4 ENOB, 70dB SNR, 95dB SFDR)
● Uscita IQ 10MSPS
0,5 ppm ad alta precisione, clock a basso rumore di fase
● Vista panoramica dello spettro a 10 MHz con fino a 9 MHz senza alias/immagine
Nessuno squilibrio del QI, DC offset o 1/F noise al centro dello spettro1 x RF Input
● Software 4.5v commutato Bias-Tee per alimentare LNA e convertitori up/down (non utilizzato)
● Temperatura di esercizio: da -10°C a 40°C

Nella configurazione del dispositivo (eseguita tramite il osmocom autista in Radio GNU) il guadagno RF è impostato su 0 (impostazione predefinita), mentre i guadagni IF e BB sono impostati ciascuno su 10 dB. Questi valori di guadagno molto bassi mostrano l'efficacia dei componenti posti a monte del ricevitore: dall'antenna agli amplificatori LNA e Wideband. Anche l'opzione bias-T è disabilitata.

Riferimenti

Conclusioni

Abbiamo descritto la costruzione di un radiotelescopio a microonde piccolo ed economico. Abbiamo approfittato dell'ampia disponibilità di componenti radio per la TV satellitare. La funzione di radiometro, ovvero la misura effettiva dell'intensità del segnale, sarà implementata via software utilizzando il framework GNURadio: questo sarà l'argomento del prossimo post.

Se ti è piaciuto questo post puoi condividerlo sul “social” Facebook, Twitter o LinkedIn con i pulsanti sottostanti. In questo modo puoi aiutarci! Grazie !

Donazione

Se ti piace questo sito e se vuoi contribuire allo sviluppo delle attività puoi fare una donazione, grazie !


C'è un limite alla dimensione di un array Argus?

Ad esempio, terreno irregolare, tempo di propagazione della comunicazione, curvatura del terreno, ecc?

Supponendo che i costi immobiliari non siano un problema, quali sarebbero alcuni vantaggi di un array molto ampio (decine, centinaia, di km)?

Questo e SKA sono stati anche il mio primo pensiero. È già stato fatto e copre enormi distanze in più paesi.

Molto interessante. Mi è venuto in mente che mettere una cosa del genere sulla Lunar Farside potrebbe ottenere dei risultati interessanti. Oltre ad essere protetto da tutti L'interferenza terrestre, e non avendo una fastidiosa ionosfera, sarebbe persino schermata dal Sole per circa 10 giorni al mese. Penso che sarebbe anche molto più facile da implementare rispetto alla proposta della NASA di erigere un enorme piatto parabolico all'interno di un cratere usando i robot.

In effetti, LOFAR consente già doppi puntamenti per le osservazioni (quindi un raggio sulla sorgente target, un raggio sul calibratore). Questo è bello perché possiamo usare il raggio del calibratore per determinare la calibrazione (e soprattutto gli offset dell'orologio) e questo rende la nostra vita molto più facile per la calibrazione sul bersaglio.

Inoltre, LOFAR può essere aggiornato per avere più raggi simultanei in futuro e i piani sono già in corso


Antenne per radioastronomia

Per la ricezione HF delle tempeste di rumore di Giove, la scelta ben documentata e popolare è il doppio dipolo in fase. Per quelli di noi con un po' meno spazio per giocare, un singolo dipolo con un amplificatore a basso rumore (LNA) prima del ricevitore deve essere sufficiente. Oltre ai disegni di Radio Jove nel libro “Listening to Jupiter 2nd Edition”, ci sono molti disegni per Yagi-Uda in questa lunghezza d'onda che sono liberamente disponibili in rete ma sono piuttosto grandi. L'idrogeno e altri sistemi di monitoraggio della linea spettrale di solito si affidano a collettori parabolici per l'elevato guadagno richiesto. Il segnale viene riflesso e focalizzato su un feed-horn o un'elica per accoppiare i segnali a un LNA e un ricevitore. Una parabola di 3.0 m di diametro può fornire circa 30 dB di guadagno a 1420 MHz con un'ampiezza del fascio (risoluzione) di circa 4° del cielo. La parabola della stessa dimensione aumenterà in guadagno e la sua larghezza del fascio diminuirà (risoluzione più alta) a frequenze più alte, assumendo che la precisione della superficie sia adeguata.

Apertura dell'antenna

L'apertura dell'antenna del ricevitore o l'area effettiva viene misurata come l'area di un cerchio rispetto al segnale in ingresso come densità di potenza (watt per metro quadrato) x apertura (metri quadrati) = potenza disponibile dall'antenna (watt).

Il guadagno dell'antenna è direttamente proporzionale all'apertura e generalmente il guadagno dell'antenna viene aumentato focalizzando la radiazione in un'unica direzione, riducendo tutte le altre direzioni. Poiché la potenza non può essere generata dall'antenna, maggiore è l'apertura, maggiore è il guadagno e ridotta l'ampiezza del raggio.

La relazione tra guadagno e area effettiva è

G = 4 * PI * A / L2 o A = G * L2 / 4 / PI

Dove G è il guadagno (lineare, non dB), A è l'area effettiva, PI è 3,14. e L2 è la lunghezza d'onda al quadrato. Le unità per A e L2 non sono importanti, ma devono essere fornite entrambe nelle stesse unità. La stessa area significa più guadagno a una frequenza più alta e lo stesso guadagno significa meno area a una frequenza più alta.

Il semplice aumento delle dimensioni dell'antenna non garantisce un aumento dell'area effettiva tuttavia, a parità di altri fattori, le antenne con un'area effettiva massima maggiore sono generalmente più grandi.

Sembra ovvio agli astronomi ottici che un'antenna parabolica con molte lunghezze d'onda, avrà un'apertura quasi uguale alla loro area fisica. Tuttavia, altre antenne come le matrici Yagi e Col-linear potrebbero non sembrare le stesse a prima vista, ma ottengono lo stesso risultato utilizzando altri mezzi alle frequenze radio.

Polarizzazione dell'antenna

La maggior parte dei segnali naturali (cioè le sorgenti cosmiche) sono quasi sempre non polarizzati (che equivale a "polarizzati casuali"), quindi l'uso di qualsiasi metodo di polarizzazione singolo lineare o circolare otterrà lo stesso risultato. La leggera polarizzazione presente in tali segnali non porta alcun "vantaggio di potenza" significativo quindi in pratica le antenne polarizzate lineari sono preferite maggiormente in Radioastronomia in quanto sono più pratiche da costruire per un guadagno specifico rispetto ad un'antenna polarizzata circolare.

La polarizzazione può tuttavia fornire informazioni interessanti sulla sorgente, quindi i radioastronomi a volte vogliono misurarle. Tuttavia è abbastanza difficile da fare, perché le caratteristiche del segnale sono così deboli, e al di sotto di pochi 100 MHz, le informazioni di polarizzazione sono solitamente troppo confuse dalla ionosfera per essere di qualche utilità pratica.

Log periodico Antenne

Le antenne "Yagi" a banda larga sono talvolta utilizzate se è necessario ricevere una vasta gamma di frequenze con la stessa antenna, come nello spettrometro radio solare e-Callisto 45-870 MHz.

Peter ha scritto qui per la costruzione di un'antenna periodica log lunga 5 metri per questo ricevitore.

Radiotelescopi

C'è così tanto scritto sui Radiotelescopi dai professionisti, sembra sciocco provare a scriverne un altro.

Il link Radio Telescopes ti porta a una serie di conferenze e corsi sulla Radioastronomia dell'Osservatorio Nazionale di RadioAstronomia (NRAO)

Computer e software Non hai bisogno di questi a meno che tu non abbia intenzione di prendere l'opzione Software Defined Radio (SDR), ma sono utili per quasi tutto ciò che vorrai fare. La cosa principale da ricordare è che qualunque piattaforma hardware tu scelga, se hai intenzione di eseguire l'elaborazione del segnale digitale (DSP) vorrai un processore veloce perché molti DSP sono piuttosto pesanti per il computer. Il software è disponibile da molte fonti e potrebbe anche essere necessario acquistarne alcuni, dio non voglia. Tuttavia, il software più popolare è il software gratuito SDR# ed è gratuito! "Parla" con quasi tutto e puoi acquistare un "dongle" DVT per meno di $ 20 che ti porterà bene e veramente in SDR. La maggior parte dei software DSP contiene un analizzatore di spettro FFT (Fast Fourier Transform), uno spettrografo con display a cascata (frequenza e ampiezza/tempo) e la funzione di registrazione/riproduzione audio dalla radio tramite la scheda audio del computer o dai file sul disco di archiviazione selezionato. I pacchetti più esotici offrono funzionalità aggiuntive come la correlazione automatica e altre tecniche avanzate di riduzione del rumore. Se hai intenzione di utilizzare l'opzione SDR, probabilmente riceverai un pacchetto DSP con il ricevitore, quindi di nuovo, forse no. L'USRP è fatto per funzionare con la suite GNU Radio su un sistema operativo Debian Linux (OS). I ricevitori WinRadio G3xx sono realizzati principalmente per i vari sistemi operativi Windows Micro$oft e vengono forniti con pacchetti DSP standard o opzionali, con risorse limitate e supporto per il funzionamento sotto Linux. Per altri modelli SDR, controllare le informazioni di vendita del produttore relative ai requisiti hardware/sistema operativo/software. Alcuni link che potresti trovare utili sono:

Linux

Mac OSX

Ricevitori

Molte scelte qui, ma generalmente rientrano nelle due categorie di ricevitori/scanner di comunicazione e radio definita dal software (SDR). Nella prima categoria, questi ricevitori tendono a funzionare fino a diverse centinaia di megahertz e sono generalmente ragionevolmente sensibili. Se hai un vecchio ricevitore a onde corte, per prima cosa rispolvera i ragni, collegalo al tuo nuovo array di dipolo a banda da 15 metri e dovresti ricevere il Sole o anche Giove se sei fortunato. I ricevitori di comunicazione HF di qualità utilizzati dagli appassionati di radioamatori sono una buona opzione, c'è un sacco di supporto software per la serie Icom IC-7000 e se guardi bene, anche parecchi altri. Ci sono anche molti membri dell'ARRL e appassionati che sviluppano il proprio hardware radio che spesso sono migliori di molti modelli commerciali.

Alcuni link che potresti trovare utili sono: Rick Campbel KK7B e Bill Kelsey N8ET R1/R2 e Mini R2 Pro Ricevitore a conversione diretta Progetto QPL2000

Software Defined Radio (SDR) è il nuovo giocattolo preferito nel mondo radiofonico. Ci sono molti modelli che appaiono non solo nelle bande HF e radioamatoriali, ma anche modelli a banda larga che funzionano bene nelle gamme dei gigahertz.

Ci sono anche molti membri dell'ARRL e appassionati che sviluppano il proprio hardware SDR.

Alcuni dei modelli più popolari sono elencati di seguito insieme ai collegamenti ai rispettivi siti Web:

Per il software di controllo adatto per il software, definire le radio di varie descrizioni, vedere il software gratuito SDR#


Radioastronomia amatoriale: proposte di parabole - Astronomia

  • Ricevitore SDR NooElecDVB-T+DAB+FM (R820T) con SDR# V1.0.0.500 che mostra l'emissione radio solare.
  • L'SDR ha una frequenza centrale di 1,2 GHz e una larghezza di banda di acquisizione di 2 MHz.
  • La banda gialla nella finestra dello spettrogramma blu in basso è l'aumento di 6 dB della potenza del segnale quando la parabola radio viene spostata attraverso il sole.
  • L'asse verticale della finestra dello spettrogramma inferiore blu è il tempo e l'asse orizzontale è la frequenza.
  • Il cercatore satellitare e l'alimentatore sono collegati alla prima uscita LNB.
  • Il ricevitore SDR NooElecDVB-T+DAB+FM (R820T) è collegato alla seconda uscita LNB
  • Fare clic sulla schermata sopra per la cattura dello schermo a piena risoluzione.
  • La cattura dello schermo sopra è stata la prima volta che il radiotelescopio Itty Bitty è stato testato con l'SDR.

Parti del radiotelescopio Itty Bitty

  • Amazon DirecTv Parabola satellitare da 18 pollici LNB 18
    • LNB Ha bisogno di alimentazione dal ricevitore per funzionare
    • Doppia uscita per due ricevitori
      • Uscita LNB 1 per il misuratore di ricerca satellitare per Directv
      • L'alimentazione CC viene fornita all'uscita LNB 1.
      • Uscita LNB 2 al ricevitore SDR DVB-T+DAB+FM (R820T)
        • Gamma di sintonizzazione da 950 MHz a 1,45 GHz
        • Larghezza di banda di acquisizione 2+ MHz
        • Frequenza centrale impostata su 1.2 GHz

        • Il mirino è regolato su 1 per il cielo sopra la testa
        • Il cercatore legge


        Radioastronomia amatoriale: proposte di parabole - Astronomia

        Di seguito sono riportati esempi di SDR e ricevitori radio tradizionali utilizzati per la radioastronomia e l'osservazione satellitare.

        • SDR basati su ricevitori Realtek RTL2832U e Raphael Micro R820T Digital Video Broadcasting Terrestrial (DVB-T) tramite USB
          • Caratteristiche
            • Larghezza di banda di acquisizione 2+ MHz
            • L'RTL2832U trasmette i dati I+Q a 8 bit al PC tramite USB.
            • Gamma di frequenza (approssimativa) 25 MHz - 1750 MHz
            • Connettore antenna MCX femmina
            • Costo molto basso

            • NooElec NESDR Mini SDR e chiavetta USB DVB-T (R820T) con antenna e telecomando
              • Ham It Up v1.2 - Upconverter RF per radio definita dal software
                • Cavo NooElec tra il e l'up converter Cavo pigtail maschio da MCX a maschio SMA, RG174, lunghezza 0,5'
                • Cavo MCX maschio a F femmina Cavo coassiale RF assemblato Cavo coassiale MCX maschio a F femmina 6quot
                • Radio Shack FM trap, vedere la risposta in frequenza nelle recensioni.
                • Trappola FM MCM Electronics

                DVB-T (R820T) con SDR# V1.0.0.1193 a 28 MHz che mostra le bande CB e Ham da 10 metri utilizzando lo Scanner Ant-Base 30-1300 Mhz di Antennacraft e la trappola FM Radio Shack. Notare le trasmissioni CW al centro-destra della vedova dello spettrogramma blu in basso. Fare clic sulla schermata sopra per la cattura dello schermo a piena risoluzione.

                • Una buona panoramica del processo di installazione di SDR# con RTLSDR
                • Per prima cosa usa lo script di installazione rapida (file bat PC sdr-install.zip) sui download SDR# per scaricare i file sul tuo PC.
                • Quindi usa Zadig per configurare il driver USB del PC.
                  • Installazione del driver SDR del dongle RTL utilizzando Zadig di M3GHE
                    • L'ID USB è necessario in Zadig per selezionare il dispositivo USB corretto.

                    DVB-T (R820T) con SDR# V1.0.0.500 a 1.200 MHz che mostra l'emissione radio solare dall'uscita dell'LNB del radiotelescopio Itty Bitty. Notice the 6 dB rise in signal strength (yellow band in the bottom blue spectrogram widow) as the radio dish is positioned across the Sun. The spectrogram window vertical axis is time and the horizontal axis is frequency. Click on the above screen for full resolution screen capture.


                    Is it possible to build a DIY radio telescope?

                    Yes it sure is, only thing though it your only gonna get the sun. Here is a link to it. It is real easy and cheep.

                    The first link will take you to the itty bitty dish a simply diy project. The second link is the society of amateur radio astronomers, under the projects tab on the top you'll see a few more sophisticated projects.

                    As far as a used dish goes your limited to what you can do on the cheep without spending a lot more money. At that point you can kit the jove radio project kit or similar.

                    Edited by Allanbarth1, 19 May 2017 - 11:07 AM.

                    #4 starcanoe

                    Way back in the day I got the impression that the equipment to detect Jupiter was not particularly expensive or sophisticated/complicated.

                    #5 Jeff B1

                    Very interesting article, thanks.

                    #6 Allanbarth1

                    You can build a respectively inexpensive antenna for detecting solar storms and storms from Jupiter. The receiver and amplifier can also be done on the cheep, but both require a small bit of electronics understanding. There are lots of different designs for Jove projects that can be easily made in the 20.1 MHz, 15 meter wavelength. A antenna about half that can receive a lot more of the signals from Jove. Even , including detecting occultation's of the moons of Jove because of the Doppler Effect. It's the equipment on the other side of the antenna that gets expensive and complicated. The more that you want to detect and listen to, the more money, time, skill. etc.

                    In all fairness the original posters question was about using a old unused T.V. satellite dish for radio astronomy. For a very little amount of cash out of pocket yes, you can but all that your going to be able to receive is going to be the sun, people who walk close by the dish and trees, yes trees do emit a receivable signals.

                    The MIT link has a few different programs to use depending on your interests.

                    This is the easiest DIY dish conversion and will get your feet wet. It can also be added on to, 2nd dish and even a 3rd dish. You can also use software developed by MIT for just this application and is my favorite be far as far as DIY satellite dish projects go.

                    Edited by Allanbarth1, 19 May 2017 - 09:28 AM.

                    #7 bvillebob

                    The OP mentioned a MINI dish, one of the 30"'ers.

                    The issue you have is that those dishes are designed for receiving strong signals broadcast from nearby (22,400 mile) objects, so they're small and relatively low gain. I saw an astronomer comment the other day that if you were trying to detect a cell phone on the surface of Mars it would be one million times more powerful than the typical source they observe. Astronomical radio sources are weak, very very weak, other than the sun and the reflected sun noise off the moon.

                    Realistically 10' or so is probably about the minimum size I'd fool with. With modern low noise transistors and MMICs, combined with SDR and long integration times, you can detect quite a bit with something that size. I used to have a 24' dish many years ago, and can still remember the thrill of turning it to Saggitarius A* and hearing the noise level come up by 6dB or so.

                    Also, realize that a radio telescope is in effect a one pixel camera. You don't get images, you get data and it's a very different experience.

                    Finally, Jupiter's emissions peak in the upper HF range, 20 MHz or so and they're easy to detect with a shortwave receiver or SDR is even better. Your dish is designed for 12 GHz or so, almost 1000 times higher in frequency, it would be useless for that.


                    Muskegon Astronomical Society

                    Last month we got a 12' satellite dish from Dan Seeley. So the question on everyone's mind: what will we be able to accomplish with this dish? Well, depends on what objects we want to go after and what equipment we can afford. In amateur radio astronomy we could do Solar observations, Jupiter observations, Meteor observations, Galactic observations, or even SETI (search for extraterrestrial intelligence) observations.

                    Solar Observations: We could detect solar flares at the VLF (very low frequency) 30-80 KHz range or in the VHF (very high frequency) 1-30 MHz range. We'd need only simple ham radio equipment. With the satellite dish, we'd be able to pick up solar burst activity at 80-890 MHz frequency range.

                    Jupiter Observations: We could detect radio noise storms from Jupiter. at the 18-24 MHz range These storms are believed to be caused by the movement of the Jovian moons Io and Ganymede through the magnetic field of Jupiter, which in turn causes great electrical storms on the planet, Again, a simple short wave radio equipment and loop antenna.

                    Meteor Observations: By turning into a blank signal, say an marginally received aircraft beacon at 75 MHz, we could pick up in-falling meteors as "ping" sounds. We'd need ham radio equipment and a directional (Yagis) antenna.

                    Galactic Observations: With short wave equipment and a directional antenna, we could study solar flares. Perhaps we could study some of the more powerful radio sources such as Cassiopeia A or Cygnus A at the 80-100 MHz range. We could also study the galactic arms and the center of the Milky Way.

                    SETI Observations: You heard of the 21 centimeter band? This is the radio wavelength created by an excited hydrogen hydroxyl molecule. At 1420 MHz, it's the hole of silence where almost no Cosmic static is generated. This so-called "water hole" is an ideal place to observe in general (or look for ET). At this frequency, however, we'd need a satellite dish.

                    Oh, FYI. When we talk about the 21 cm Band, it's the wavelength (meters) = 300 / frequency (MHz). Example: 300 / 1420 MHz = .21 meters or the 21 centimeter band. The 21 cm band is also called the L-Band (1420 MHz or 1.4 GHz). Other bands include the 23 cm band (1300 MHz), the 2-meter band (148 MHz), the C-Band (4 GHz), and the Ku-Band (12 GHz).

                    Other Observations: A satellite dish is viable only above 400 MHz. In areas such as the "water hole", it might be possible to observe Doppler shifts in the Milky way or detect HEPs (high energy pulses) from the galactic center. These HEPs are mysterious pulses, possibly generated by flare stars or black hole radiation. Given the right equipment, we could observe pulsars, supernova remnants, gamma ray bursts, or other blackbody radiation (radiation that an object would absorb if it were a perfect absorber).

                    The basic radio telescope has an antenna, a pre-amplifier, bandpass filter, a mixer/oscillator, an IF (intermediate frequency) amplifier, square-law detector, and DC amplifier. The antenna, of course, is the TVRO (TV Receive Only) satellite dish. Signals from the antenna are sent to the pre-amplifier. The pre-amplifier (also called the LNA or low noise amplifier) boosts the weak in-coming signal. The bandpass filter (white box) allows only selected ranges of frequencies to pass to the mixer. The mixer/oscillator lowers the frequency for the IF amplifier (avoids signal feedback to the antenna). The signal is boosted by the IF amplifier (also does some bandpass filtering). The square-law detector allows passage of the signal in one direction by throwing out the other half (otherwise the highs would cancel the lows). The DC processor removes receiver noise and other fluctuations before sending the signal on to either a recorder or an A/D (analog/digital) converter and computer.

                    It'll be up to Dan to assemble our radio telescope. He might obtain the individual components separately. He might opt to get a TPR (total power receiver), an all-in-one receiver that has most of the components built-in. Radio Astronomy Supplies seems to be the main supplier of RA components. They also have $1500-$2500 all-in-one receivers. rfspace.com has an interesting receiver called a SDR-14 which runs about $1000. If Dan assemblies the individual components (gets the signal to the computer), we might be able to get the SDR-14 SpectraView software directly from www.moetronix.com.

                    In radio observations, you aim the dish ahead of the desired object, recording the object as it drifts across your field of view. The hard part is finding the object and getting ahead of it before the observation. If Dan can get four-way control, we'll be able to find objects easier. And if he can train the RA drive to track in sideral time, we'll be able to extend our observing time.

                    But don't hope for images any time soon. I'm told our dish will have a five degree field of view. By optical standards, that's huge and will result in low resolution. Radio astronomy in general is like seeing the sky through a soda straw (and an opaque straw at that). If we can make enough accurate sweeps of a section of sky perhaps we'll be able to create some sort of image. Eventually.

                    So, will we get to observe galactic Doppler shifts or hear ET? Again, depends on the equipment. But you have to start somewhere. And even if we don't see pulsars, at least we'll know why we can't see them. I liken this project to a beginner getting his first telescope. Images off the Internet are a thousand times better then anything you can see in your small scope. But your scope sees the real thing. A picture is like taking someone's word. Same thing with Radio Astronomy. We might end up with just lines on a graph, but they'll be OUR lines.

                    In writing this article, I found several sources of information. "Radio Astronomy Projects" by William Lonc, and "Amateur Radio Astronomy Systems, Procedures, and Projects" by Jeffery M. Lichtman were useful. Also found the following web site helpful:


                    Amateur radioastronomy: dish suggestions - Astronomy

                    This picture is a historic moment, on the 10th of June 2006 Matthias Busch, the Father of EASYSKY installed the ERAC Controler Driver to EasySky and for the first time ever the Radio Telescope Mannheim was no longer only in Meridian Transit mode , it was able to track celestial objects for the first time.

                    The First object to be looked at was of course Cas A and she came in Beutifuly. The next Target was Thermal noise from Jupiter and of course later the Moon. It was for Matthias a whole new feeling moving 2.5 Tones of Steel a Radio Telescope and of Course the seat he was sitting on and all that with his own program .

                    Congratulations and Thanks Matthias you have given us all the tool we need to do Challenging Radio Astronomy

                    A very good source for A.L.L.B.I.N antennas: Dishes upto 3.7 m

                    Contatto

                    Starting in October 2006 all discussions are continued in the general ERAC mailing list. You can subscribe to that list on the following website:

                    To send off anything to the group all you have to do is send it off to the address

                    Links

                    • ALLBIN registration form for all who want to participate and support the project
                      ALLBIN registration form
                    • Peter Wright gives a technical overview on ALLBIN ideas and concepts
                      ALLBIN Powerpoint presentation (11 MBytes)
                    • Marko Cebokli describes his SImple Digital Interferometer (SIDI)
                      lea.hamradio.si/

                    Documents

                    It is Basically True that an Amateur Radio Astronomer can not do much with a small dish of say 3 ,5, or 8 meters however that is not true if the Amateur decides to build East West 2 element single site interferometer linked up with cables together to give a collecting area much larger , if the Amateur constructs his equipment well with this simple equipment he gets fantastic results for a very small cost indeed .

                    Let us go on a bit further and consider a Radio Linked Interferometer in VHF or UHF or Microwave bandwidth this is also easy as long as both dishes are in an east west Meridian transit mode , things get a bit more complicated however it is still a goal for an experiment that works very well on an amateur budget .

                    Now let us go a step further to imagine a group of Amateur Radio Astronomers spread all over Europe who decide to work together to build up something big . and you have landed by project ALLBIN the basis for the future of Amateur Radio Astronomy well into the future , but how could such a system work ?

                    The first stage is to get an intensity type interferometer up and running using Amateur Equipment then at a later date to upgrade this system to become a phased array but is this dream possible? As president of the European Radio Astronomy Club I say Yes Certainly ! Today we are living in a Society where Technological advances are taking place almost day after day and the computing power available today is gigantic all we have to do is get organised . Today after an idea given to us from Ian Morrison from Jodrell bank using Radio to link up 2 remote stations we have succeeded in making an interferometer from 2 sites with home made equipment . Project ALLBIN is sitting in its start position ready to go and you can most certainly help if you wish to join us ?

                    The System is planned to work like this: A total of 40 Stations are at some stage of construction at the moment by individuals spread all over Europe , we all want to observe at first the Hydrogen line at 1.42 GHz with identical Electronic Equipment in the Meridian Transit Mode Later the Equipment will be slowly upgraded as individual financing allows . Each station gets an e-mail telling him when and at what elevation he or she needs to observe. Now all stations are hopefully up and running and calibrated when a Radio Clock triggers off the computer to sample data at each station , this clock is not however Synchronised does however get everyone started within one second after this start impulse all timing is done using a standard Satellite based clock of high accuracy using the PAL FBAS Signal from the German TV Channel ZDF via ASTRA 1F which gives a signal of 15.625KHz which using a PLL can lock in any other Oscillators to an accuracy of 10 to the power minus 13 to 14, this is not possible with GPS for instance as GPS gives us for each station a local time only . After a run is completed we all meet in the internet in an art chat room for engineering and chat as well as data transfer . this chat room has two levels one for communication and the other to communicate with the group , one station acts as master to pole each station for a sample of data , after all stations have sent in a bit of data the master station calculates the correlation shift for each station individually. This value is sent out to each remote station to let him shift all his data by this value locally so using the computer power of each station rather than at one central hub . Now the sample has been done very roughly and each station can see in the engineering channel what has been Observed roughly , everyone can now decide what needs to be observed in detail which the master station then implements to get depth data of the area of interest , this interactive mode together with modern Data Compression Techniques and the day by day improvement of Computers and Data Highways is the secret of how project ALLBIN will be constructed and will improve its performance in the years to come .

                    Today Project ALLBIN is in the Hybrid stage of early Construction and Development , we need people who are interested in Helping to get the system off the ground , at the end we will be manufacturing a product that will be the basis of a whole new tool for the future and I think that is exiting enough for anyone to help Pioneer the future of Amateur Radio Astronomy in Europe , a later step will be to hopefully work with existing VLBI Groups here in Europe .

                    Q. How can I Help ?
                    A.If you are a Mathematician , Programmer Hardware or RF Man we need you in our team now as training weekends are now being planned to learn how VLBI is being done today and from this how our own equipment will be designed and built for a total of 80 stations spread all over Europe.

                    Q Can I earn money with this project
                    A. No But what you will be doing will be priceless for yourself and others.

                    Q. do I need to own a Radio Telescope to Participate
                    A. No but one day with our help you will that is certain .

                    Q do I need to have my own equipment
                    A No you will be working on of having close contact to an existing ERAC Member in your Area to work together as a central team for development and a local group when implemented .

                    Q. What kind of knowledge do I need to bring with me to work with this group.
                    A. Everyone is a Specialist for something and that is what we need with Project ALLBIN we all help each other to do what we can for others and be helped by others where we have problems .

                    Q. If I choose to build my own station what will this cost me
                    A Every station we get up and running will mean that we get a better view of space and if you wish to build up your own station we will help you to do this the hardware is designed and manufactured by the group so the costs will be very low indeed however allot of work that you will be proud of at the end of the day . The basic Fixed manually tiltable meridian transit telescope will be cheep probably with a donated dish free of charge at a later date the tilt mechanism will need to be controlled via computer and maybe the dish will need to become rotatable but all this is not needed at the start and everything will get upgraded at a slow rate , the basic system may be later used at different frequencies by a simple change of feed and Low noise block down converter .

                    Q How can I join in
                    A. Just Mail us here at Headquarters [email protected] and we will do the rest

                    To close a small word of warning

                    PROJECT ALLBIN IS WORTH GETTING INVOLVED IN AS IT WILL BE A GIFT TO THE WHOLE AMATEUR COMUNITY FOR THE GENERATIONS TO COME


                    Guarda il video: RECEPTOR VLF RADIOASTRONOMÍA (Gennaio 2022).