Universo

Orione. Osservando l'Universo

Orione. Osservando l'Universo

Questa è un'immagine della costellazione di Orione. Sirius, la stella più luminosa del cielo, è visibile anche sul lato sinistro della foto.

Orione è la costellazione con stelle più luminose. Ecco perché si distingue così tanto nel cielo notturno ed è uno dei più noti. Ha la sua origine nella mitologia greca. Il cacciatore Orione morì per il morso di uno scorpione. Nel cielo rappresenta la sua fuga, in modo che Orione scompaia ad ovest proprio prima che lo Scorpione appaia ad est.

Può essere visto da entrambi gli emisferi, sebbene nel cielo boreale appaia orientato verso l'alto e nel cielo meridionale verso il basso. Nell'emisfero settentrionale è una delle costellazioni invernali.

Le sue stelle sono distanti. Il più vicino è di 70 milioni di anni luce e il più lontano è di 2,3 miliardi. Il più luminoso è Rigel, che dista più di 900 anni luce. È una giovane supergigante 40.000 volte più luminosa del nostro Sole. Sulla spalla del cacciatore, Betelgeuse è una supergigante rossa verso la fine della sua vita. Sotto le tre stelle della Cintura si osserva una debole macchia ad occhio nudo. È la Nebulosa di Orione, a 1.600 anni luce. In esso è la Nebulosa Testa di Cavallo Oscura. Si ritiene che in questa regione si stiano formando nuove stelle.

Sirius accompagna Orione nel cielo notturno. Appartiene alla costellazione di Can Mayor, che rappresenta il cane da cacciatore. Nonostante sia la stella più luminosa, è solo leggermente più grande del sole.

◄ PrecedenteAvanti ►
Ursa Majorcostellazioni
Album: Foto della Galleria dell'Universo: Observing the Universe