Universo

Energy quasar Buchi neri, spazio profondo

Energy quasar Buchi neri, spazio profondo

Nel dicembre 2012, e grazie al telescopio VLT (Very Large Telescope), il quasar è stato scoperto con l'output più energico finora visto. Ha una forza cinque volte maggiore di qualsiasi altra osservata finora.

Il telescopio VLT appartiene all'Osservatorio europeo meridionale (ESO) e si trova sulla collina del Paranal, una montagna situata nel deserto di Atacama, nel nord del Cile.

Questa potente produzione di energia è di circa mille anni luce da un buco nero super massiccio, proprio nel centro di Quasar SDSS J1106 + 1939, che si muove a una velocità di 8.000 chilometri al secondo. Il tipo di energia che espelle ad alta velocità è almeno equivalente a due milioni di volte la potenza dell'uscita del Sole. Più specificamente, è circa 100 volte maggiore della potenza totale della galassia della Via Lattea.

Questa è stata la prima volta che è stato misurato il deflusso di quasar. Attraverso simulazioni teoriche effettuate, si è concluso che l'impatto di questi flussi sulle galassie che li circondano può risolvere alcuni degli enigmi della moderna astronomia. Tra gli altri, come la massa di una galassia è collegata alla massa del suo buco nero centrale, o perché ci sono così poche grandi galassie nell'universo.

◄ Precedente
Ammasso stellare M11
Album: Foto della Galleria dell'Universo: buchi neri, spazio profondo


Video: Espansione dell'Universo, più vicini al Big Bang grazie ai quasar (Gennaio 2022).