Astronomia

Le prime donne programmatrici

Le prime donne programmatrici

La Marina degli Stati Uniti ha chiamato le donne "computer" per risolvere manualmente le equazioni per calcolare le traiettorie dei proiettili.

Il primo computer è stato costruito nel 1946, occupava 167 metri quadrati e si chiamava ENIAC. Varie fotografie appaiono nelle fotografie che sono conservate. Non erano lì per caso; furono loro a programmare quel grande progresso tecnologico.

ENIAC (Electronic Numerical Integrator And Computer) è stato progettato durante la seconda guerra mondiale per calcolare le traiettorie balistiche delle nuove armi da fuoco. Gli ingegneri John Presper Eckert e John William Mauchly passarono alla storia per aver costruito uno dei grandi progressi del mondo, mentre un gruppo di sei donne rimase all'ombra.

Matematica Ruth Lichterman Teitelbaum, Frances Bilas Spence, Betty Jean Jennings Bartik, Marlyn Wescoff Meltzer, Betty Snyder Holberton e Kathleen McNulty Mauchly Antonelli sono stati assunti dal governo degli Stati Uniti per progettare e scrivere programmi ENIAC. Cioè, gli uomini hanno costruito la macchina e hanno dovuto inventare i programmi nel sistema binario e procedere alla programmazione, che consisteva nel collegare e scollegare i cavi ai 6000 pin del dispositivo.

Una menzione speciale dovrebbe essere fatta di Augusta Ada King, contessa di Lovelace, meglio conosciuta come Ada Lovelace, a cui è attribuita la prima persona a programmare i computer.

Prima dell'ENIAC, i calcoli della tabella balistica venivano eseguiti manualmente. 80 donne matematiche lavoravano all'Università della Pennsylvania. Tra questi computer Sei sono stati scelti per eseguire lo stesso calcolo, ma utilizzando l'ENIAC. Dovevano programmare nella lingua di uno e zero senza aiuto o manuali, solo con la documentazione del cablaggio della macchina.

Nonostante abbiano portato a termine con successo questo straordinario compito e la grande responsabilità, sono stati ignorati per molti anni. Quando nel 1946 la Marina presentò l'ENIAC, in un evento in cui il suo software funzionava perfettamente, non furono nominati.

Nel 1997 i loro meriti furono finalmente riconosciuti e furono inclusi nella Hall of Fame internazionale di Women in Technology. E nel 2014 è stato realizzato un documentario sulla storia di queste donne dal titolo "I computer".

Queste donne hanno posto le basi affinché la programmazione fosse semplice e accessibile a tutti. Hanno creato il primo gruppo di routine, le prime classi in programmazione e le prime applicazioni software. Il suo lavoro ha influenzato notevolmente l'evoluzione dell'informatica negli anni '40 e '50 del 20 ° secolo.

La sua storia è degna di ammirazione. Ma c'è ancora molta strada da fare affinché le donne occupino il loro posto legittimo nell'area della tecnologia, specialmente in posizioni importanti. Ad esempio, solo l'11 percento delle donne che lavorano nella Silicon Valley ricoprono incarichi dirigenziali.

◄ PrecedenteAvanti ►
10 invenzioni dall'astronomiaComunicazione spazio-terra


Video: SteamPink: donne e tecnologia al Museo del Calcolo di Pisa (Gennaio 2022).