Astronomia

Origine ed evoluzione dell'essere umano

Origine ed evoluzione dell'essere umano


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Circa 50.000 anni fa, un gruppo di uomini e donne lasciò l'Africa in cerca di cibo. Erano alcuni dei sopravvissuti di una glaciazione cruda.

Oggi, 2000 generazioni dopo quel viaggio e con una popolazione mondiale di 7.000 milioni, è difficile pensare che siano gli antenati comuni di tutti noi.

Il nostro DNA rivela che siamo tutti una razza. I diversi personaggi sono solo gli adattamenti che i nostri antenati hanno sviluppato popolando i diversi angoli del pianeta. Siamo tutti parenti, non molto lontani. Ma come è stata la nostra storia ed evoluzione? Qual è l'origine dell'attuale essere umano?

La nostra specie, l'homo sapiens, è nata circa 200.000 anni fa. Se il Storia della terra se detto in un giorno, l'uomo moderno apparirebbe 1,7 secondi prima di mezzanotte. Siamo nuovi arrivati. L'Homo sapiens era la specie scelta, che sopravvisse e si evolve. Altre specie simili tentarono senza successo e si estinsero, come il Neanderthal.

Anche il homo sapiens È quasi scomparso più volte. La sua intelligenza, creatività e mutazioni genetiche lo hanno salvato dall'estinzione. I cambiamenti climatici hanno causato il salto evolutivo della specie umana.

Lo studio dei resti fossili e l'analisi genetica del DNA ci ricordano l'origine del genere omosessuale e la sua evoluzione I resti umani più antichi si trovano in Sudafrica. Circa 65.000 anni fa, un'era glaciale stava per porre fine all'umanità. Solo poche centinaia sono sopravvissute, riparate nelle grotte della costa sudafricana. Si nutrivano soprattutto di tuberi e frutti di mare.

Ma venne un tempo in cui il cibo era scarso. Lasciarono l'Africa e intrapresero un viaggio nel sud-est asiatico. Sorprendentemente, la prima area che popolarono fu l'Australia. A quel tempo il livello del mare era molto basso e solo 250 km di acqua separavano l'Asia dall'Australia. Resta un mistero il modo in cui sono riusciti ad attraversare, ma è un dato di fatto. I resti fossili di 50.000 anni fa lo confermano.

45.000 anni fa popolavano l'Asia centrale, l'India e la Cina. Il gruppo indiano si è adattato molto bene ed è cresciuto rapidamente. Il gruppo cinese, d'altra parte, è stato isolato per molte generazioni. Ha sviluppato mutazioni genetiche per adattarsi meglio al suo habitat. Così nacquero le caratteristiche asiatiche. Ma il tempo è cambiato di nuovo e gravi siccità hanno devastato l'Asia. Il gruppo dell'Asia centrale partì per le terre più fredde in cerca di pascoli. Furono i primi coloni d'Europa, 40.000 anni fa.

Gli umani non arrivarono in America fino a 15.000 anni fa. Ancora una volta, il cambiamento climatico è stato decisivo. Durante l'ultima glaciazione, un gruppo asiatico attraversò lo stretto di Bering ghiacciato. Quando il livello del mare salì di nuovo, fu isolato nel nuovo continente e sviluppò le caratteristiche caratteristiche indigene. Solo 500 generazioni fa quell'uomo finì di conquistare tutte le zone abitabili del pianeta.

I cambiamenti nel clima dominano l'evoluzione dell'essere umano. Oggi ci troviamo di fronte a un nuovo cambiamento climatico di conseguenze imprevedibili. Sapremo adattarci alle nuove sfide come hanno fatto gli antenati? Forse siamo alle porte di una nuova fase dell'evoluzione umana.

◄ PrecedenteAvanti ►
Leggi e genetica di MendelBiodiversità ed estinzioni



Commenti:

  1. Esdras

    il pezzo molto utile

  2. Narve

    Posso pubblicare sul mio blog?

  3. Giollabrighde

    Questo è un caso speciale ..

  4. Oles

    Bravo, l'idea magnifica ed è opportuna

  5. Shakalkree

    È d'accordo, il messaggio è molto utile

  6. Taugis

    Sto cercando una risposta del genere da molto tempo

  7. Myles

    Mi è piaciuto il post, scrivere di più. Mi piacerebbe leggerlo.



Scrivi un messaggio