Astronomia

Leggi e genetica di Mendel

Leggi e genetica di Mendel

Gregor Mendel era un modesto monaco agostiniano dell'Abbazia di Brno (o Brünn), che non avrebbe mai immaginato che sarebbe passato alla storia come il padre della genetica.

Preoccupato per il miglioramento delle colture nel giardino del monastero, decise di condurre un esperimento. Prese alcuni semi di una varietà di piselli che i monaci coltivavano nel suo giardino. Il pisello pisum sativum, che ha dato semi verdi o gialli. Incrociò i semi e osservò i risultati. Ha incarnato le conclusioni del suo esperimento in tre semplici leggi.

Per iniziare, ha preso solo le razze pure. I semi gialli puri producevano altri semi gialli e quelli verdi puri ne producevano altri verdi. Ma cosa è successo quando si incrociava un seme giallo puro con un seme verde puro?

Ha ottenuto un seme ibrido, non puro. Nella prima generazione, tutti i semi ibridi sono nati gialli. Tutti hanno ereditato il personaggio del genitore giallo. Lo ha definito dominante. Ma avevano anche un genitore verde, il cui personaggio non manifestavano. Lo ha definito recessivo. La prima legge di Mendel è la legge dell'uniformità: tutti i discendenti di prima generazione sono uguali tra loro e uguali a uno dei loro genitori.

Li ha incrociati di nuovo per ottenere una seconda generazione. Ora, tre semi su quattro erano gialli e uno verde. Il personaggio recessivo che non si manifestava nella prima generazione ora appariva. Deduco la seconda legge laica o di segregazione di Mendel: quando si incrociano ibridi in seconda generazione, i personaggi vengono separati e combinati casualmente. Mendel ha dato alle sue leggi un approccio matematico, quindi ha applicato le regole di probabilità per prevedere i risultati in ogni generazione.

L'esperimento era chiaro prendendo solo il carattere del colore. Ma esiste una relazione tra personaggi diversi? Ad esempio, colore, forma, trama ... Per scoprirlo, ha incrociato piselli gialli lisci con verdure ruvide. Ha ottenuto una prima generazione di semi gialli lisci. Il carattere liscio era dominante e il robusto recessivo. Nella seconda generazione, tuttavia, sono apparse tutte le combinazioni. Pertanto, la terza legge di Mendel è la legge dell'eredità indipendente dei personaggi: i personaggi sono ereditati indipendentemente l'uno dall'altro e combinati casualmente nella prole.

Mendel pubblicò le sue leggi nel 1865, ma si diffusero a malapena. Il suo lavoro non fu conosciuto fino a trenta anni dopo. Indipendentemente, altri biologi sono arrivati ​​alle stesse conclusioni e hanno riconosciuto il merito. Anche se oggi sappiamo che le sue leggi sono valide solo in alcuni casi (è stato fortunato a scegliere quella varietà di piselli).

Fu così, molto prima che venissero scoperti i geni e il DNA, un monaco agostiniano che voleva solo migliorare il suo giardino, stabilì le basi della genetica, una delle scienze più importanti oggi.

◄ PrecedenteAvanti ►
L'evoluzione della specieOrigine ed evoluzione dell'essere umano