Biografie

Clyde Tombaugh e la scoperta di Plutone

Clyde Tombaugh e la scoperta di Plutone

Clyde Tombaugh Fu l'astronomo che scoprì il pianeta nano Plutone nel 1930, usando un microscopio tremolante con il quale confrontò le fotografie del cielo scattate a distanza di diversi giorni.

Clyde William Tombaugh è nato il 4 febbraio 1906 a LaSalle, vicino a Streator, Illinois, Stati Uniti. Durante la sua adolescenza ha iniziato a interessarsi all'astronomia.

Il suo primo telescopio era un magazzino da 2,5 pollici e, successivamente, ne costruì uno da 9 pollici, nel 1928, usando i rifiuti dei macchinari. Con questo telescopio fece osservazioni meticolose di Giove e Marte e ne mandò alcune all'Osservatorio di Lowell.

Questo lavoro gli è valso per essere assunto dall'osservatorio come astronomo dilettante. Nel 1929 iniziò a lavorare come astronomo minore usando una fotocamera da 13 pollici. Il lavoro a lui affidato era la ricerca del pianeta X, che era stata intrapresa in precedenza da Percival Lowell.

Clyde fotografava parti del cielo ogni 5 o 6 giorni. Questi sono stati rivisti con il metodo della scintillazione, determinando le differenze nelle posizioni degli oggetti celesti.

Nelle notti tra il 23 e il 29 gennaio 1930, Tombaugh fotografò la regione del delta del geminorum.

Il 18 febbraio iniziò il confronto, trovando un cambiamento nella posizione di un oggetto di magnitudo 17, il cui comportamento rifletteva ciò che era stato previsto per un pianeta trans-nettuniano.

Questa scoperta fu confermata da altre osservazioni e l'annuncio fu dato al mondo il 13 marzo 1930. Questo nuovo oggetto ricevette il nome di Plutone, il dio dell'inferno nella mitologia greca, ma si ritiene che sia anche un tributo sotto copertura a Percival Lowell.

Dopo aver scoperto Plutone, Tombaugh ha continuato a studiare il cielo per tredici anni, scoprendo ammassi di 6 stelle, due comete, centinaia di asteroidi, diverse dozzine di ammassi di galassie e un superammasso. Nel 1932 scoprì una Nova nella costellazione del corvo (TV Corvi).

Nel 1945 fu licenziato dall'Osservatorio di Lowell per motivi finanziari. Partì per il New Mexico e, nel 1946, divenne responsabile delle misure ottiche nel laboratorio di ricerca balistica. Nel 1955 fondò il gruppo planetario all'Università di Stato del New Mexico.

Clyde Tombaugh costruì il telescopio dell'osservatorio universitario sulle montagne delle tartarughe, con il quale iniziò a lavorare nel 1967. Era responsabile del programma di astronomia dell'osservatorio, rendendolo un programma indipendente nel 1970.

Rimase attivo molto tempo dopo il suo ritiro e, quando gli fu chiesto il suo primo telescopio per il museo Smithsonian, rispose che lo stava ancora usando. Clyde Tombaugh morì il 17 gennaio 1997 a Las Cruces, nel New Mexico, a 90 anni.

Nel 2006, la NASA ha depositato una piccola quantità delle sue ceneri nella sonda New Horizons, che ha osservato da vicino il pianeta Plutone per la prima volta nella storia il 14 luglio 2015.

◄ PrecedenteAvanti ►
George Gamow ed energia atomicaSergey Koroliov, un genio sovietico


Video: 18 febbraio 1930 la scoperta di Plutone (Gennaio 2022).