Biografie

Pedro Paulet Mostajo, pioniere dell'era spaziale

Pedro Paulet Mostajo, pioniere dell'era spaziale

Pedro Paulet Mostajo (Perù, 1874 - Argentina, 1945) fu un importante ingegnere peruviano. Molti scienziati lo considerano il vero padre dell'astronautica e dell'era spaziale, incluso l'ingegnere aerospaziale tedesco Wernher von Braun.

Pedro Paulet ha studiato scienze e lettere all'università di San Agustin nella sua città natale, ma ha abbandonato la scuola all'età di 18 anni.

Dopo aver ottenuto una borsa di studio, si è trasferito all'Università della Sorbona, a Parigi, per studiare ingegneria chimica. Nella stessa istituzione ha frequentato come studente gratuito presso la School of Fine Arts and Decorative Arts, che lo ha aiutato a padroneggiare il disegno tecnico e progettare le sue invenzioni.

Paulet, che venne a lavorare come ingegnere, meccanico, chimico, economista, geografo, scultore, diplomatico, scrittore o giornalista, dedicò gran parte della sua vita a cercare di realizzare il suo sogno: volare nello spazio.

Pedro Paulet Mostajo fu il primo scienziato a progettare un'astronave, nel 1902, che chiamò "Torpedo Airplane". In precedenza, nel 1985 avevo già sperimentato un motore alimentato a carburante liquido, progettando il primo moderno sistema di propulsione a razzo.

Il "Torpedo Plane", che in seguito chiamò "autobólido", era un veicolo spaziale aerospaziale con una capacità per un piccolo equipaggio. È stato costruito con materiali resistenti alle difficili condizioni atmosferiche e spaziali, aveva pareti termiche ed era alimentato da batterie termoelettriche. L '"autoball" aveva la forma di una "punta di lancia" ed era azionato da un motore a reazione.

Paulet non ha visto il suo sogno diventare realtà, ma è diventato il riferimento più importante nella corsa alla conquista dello spazio. I principali scienziati dell'astronautica, Konstantin Tsiolkovsky, Robert Goddard e Hermann Julius Oberth, hanno utilizzato gli studi e i progetti di Pedro Paulet per progettare le loro navi e i motori sperimentali.

◄ PrecedenteAvanti ►
Henrietta Leavitt e le stelle variabili (Cefeidi)Walter S. Adams e spettroscopia