Biografie

Regiomontanus e la riforma del calendario

Regiomontanus e la riforma del calendario

Johann Regiomontanus, il cui vero nome era Johann Müller di Königsberg (Regiomontanus è la versione latina dello stesso Königsberg = "montagna del re"), nacque il 6 giugno 1436 a Königsberg, arcivescovado di Magonza (ora Germania).

All'età di 11 anni entrò all'Università di Lipsia e a 16 anni andò a Vienna dove studiò con Georg von Peurbach. Nel 1461 fu nominato professore di astronomia all'Università di Vienna, occupando la posizione del suo professore e, nel 1468, lavorò come astronomo reale del re Mattia Corvino d'Ungheria.

Regiomontanus diede importanti contributi alla trigonometria e all'astronomia. In realtà, è considerato l'iniziatore della moderna trigonometria. Il suo libro De Triangulis Omnimodis (1464) è un riassunto sistematico dei metodi di studio dei triangoli.

Grande conoscitore di testi greci e studioso di Euclide e Tolomeo, fece una rigorosa traduzione latina dell'Almagesto, iniziata dal suo insegnante Peuerbach. Inoltre, espose il sistema di Claudio Tolomeo in un'opera intitolata "Epitome in Almagestum", pubblicata nel 1496.

Regiomontanus costruì un osservatorio a Norimberga nel 1471, sponsorizzato da Bernard Walther. Ha fondato una macchina da stampa in cui ha pubblicato uno dei primi calendari completi, con dati astronomici, sulle posizioni del Sole e della Luna, eclissi e feste mobili. Ha anche costruito molti strumenti.

Nel gennaio del 1472 fece delle osservazioni su una cometa che, 270 anni dopo, fu descritta da Halley e finì col portare il suo nome, la cometa di Halley. Regiomontanus osservava eclissi lunari, eclissi totali di sole, come il 3 settembre 1457, il 3 luglio 1460 e il 22 giugno 1461.

Ha studiato i movimenti della Luna e ha descritto un metodo per calcolare la lunghezza dei mari con la loro osservazione, molti anni prima che potesse essere utilizzato con l'aspetto di strumenti per misurare accuratamente la posizione lunare.

Ha scritto sulla riforma del calendario in "Kalendarium e De Reformatione Kalendarii". Fu chiamato dal Papa a Roma nel 1475 per partecipare alla riforma del calendario e fu nominato vescovo di Ratisbona. Ma è morto prima di intraprendere il lavoro, non è ancora noto se a causa dell'avvelenamento da parte dei suoi nemici o se fosse stato vittima di una pestilenza.

Morì l'8 giugno 1476 a Roma, in Italia.

◄ Precedente
Leonardo da Pisa e il Successione di Fibonacci


Video: Gregorian calendar. Wikipedia audio article (Dicembre 2021).