Biografie

Claudio Tolomeo e la teoria delle sfere

Claudio Tolomeo e la teoria delle sfere

Claudio Tolomeo (o Tolomeo) è uno dei personaggi più importanti nella storia dell'astronomia.

Astronomo e geografo, propose il sistema geocentrico come base della meccanica celeste che durò per oltre 1400 anni. Le sue teorie e spiegazioni astronomiche hanno dominato il pensiero scientifico fino al XVI secolo.

Claudio Tolomeo (in latino) nacque in Egitto all'incirca nell'anno 85 e morì ad Alessandria nell'anno 165. Tuttavia, si sa molto poco di lui ma, da quello che è venuto a noi, si può dire che fu l'ultimo importante scienziato di Antichità Classica

Sebbene debba la sua fama all'esposizione del suo sistema ptolomaico, la sua conoscenza è andata molto oltre; ha raccolto le conoscenze scientifiche del suo tempo, a cui ha aggiunto le sue osservazioni e quelle di Nicea Ipparcoe formò 13 volumi che riassumono cinquecento anni di astronomia greca e dominarono il pensiero astronomico dell'Occidente per i successivi quattordici secoli. Quest'opera è arrivata in Europa in una versione tradotta in arabo ed è conosciuta con il nome di Almagesto (Tolomeo l'aveva definita Sintassi matematica).

Il tema centrale di Almagesto è la spiegazione del sistema ptolomaico. Secondo questo sistema, la Terra si trova al centro dell'Universo e il sole, la luna e i pianeti ruotano attorno ad esso trascinati da una grande sfera chiamata "primum movile", mentre la Terra è sferica e stazionaria. Le stelle si trovano in posizioni fisse sulla superficie di detta sfera. Inoltre, e secondo la teoria di Tolomeo, il Sole, la Luna e i pianeti sono anche dotati di ulteriori movimenti propri che si aggiungono a quello del primun mobile.

Tolomeo afferma che i pianeti descrivono orbite circolari chiamate epicicli attorno a punti centrali che a loro volta orbitano eccentricamente attorno alla Terra. Pertanto, tutti i corpi celesti descrivono orbite perfettamente circolari, sebbene le traiettorie apparenti siano giustificate da eccentricità. Inoltre, in questo lavoro ha offerto le misure del Sole e della Luna e un catalogo contenente 1.028 stelle.

La teoria ptolomaica è insostenibile perché parte dall'adozione di false assunzioni; tuttavia, è coerente con se stesso dal punto di vista matematico. Nonostante tutto, il suo lavoro astronomico ebbe una grande influenza nel Medioevo, rispetto a quello di Aristotele in filosofia.

Ha pubblicato alcune tabelle derivate dalle teorie di Almagesto, ma chiamate indipendentemente Hand Tables che sono conosciute solo da riferimenti scritti. Ha anche scritto e pubblicato la sua ipotesi planetaria in un linguaggio semplice per ridurre la necessità di formazione matematica dei suoi lettori.

Una delle sue più grandi opere fu Geografia, dove realizzò mappe del mondo conosciuto fornendo coordinate ai luoghi più importanti con latitudine e longitudine, che ovviamente contenevano gravi errori; Si dice che questo lavoro sia stato ciò che ha portato Colon a credere di poter raggiungere le Indie dall'ovest, poiché sembravano esserci più vicini.

In questo modo, nonostante tutti gli errori che Claudio Tolomeo fece nel suo lavoro, fu uno degli Astronomi che cambiò la visione dell'universo e cercò di spiegare scientificamente la meccanica delle stelle. Il fatto che la sua teoria sbagliata sia rimasta così a lungo non dipende da se stesso, ma dalle comunità principalmente religiose che erano molto a proprio agio con la teoria geocentrica e la compatibilità con le loro credenze.

◄ PrecedenteAvanti ►
Ipparco, la misura dell'anno e un catalogo di stelleAl-Battani e l'astronomia araba del Medioevo


Video: modello geocentrico da Aristotele a Tolomeo (Dicembre 2021).