Storia

Astronomia a Roma

Astronomia a Roma

L'impero romano, sia in epoca pagana che cristiana, diede poco o nessun impulso allo studio della scienza.

Roma era una società pratica che rispettava la tecnica, ma considerava la scienza inutile come la pittura e la poesia. Ciò che Roma apprezzava era il potere economico, politico e militare.

La conoscenza astronomica durante questo periodo è ciò che era già noto nell'era di Helena, cioè alcune teorie geocentriche (Aristotele) e l'esistenza di pianeti visibili ad occhio nudo: Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno, con menzione speciale del nostro satellite naturale, la Luna sempre conosciuta e considerata come un Dio.

Non possiamo non menzionare il filosofo romano Lucrezio, del I secolo a.C., e la sua famosa opera De Rerum Natura, in cui troviamo una concezione dell'Universo molto vicina a quella moderna, in un certo senso, e stranamente retrograda, in altri.

Secondo Lucrezio, la materia era formata da atomi imperituri. Questi sono eternamente in movimento, si uniscono e si separano costantemente, formando e distruggendo terre e soli, in una successione infinita. Il nostro mondo è solo uno tra un infinito di mondi coesistenti; la Terra è stata creata dall'unione casuale di innumerevoli atomi e la sua fine non è lontana, quando gli atomi che la formano si disintegrano.

Ma Lucrezio non poteva accettare che la Terra fosse rotonda. In realtà, quando Lucrezio parlava di un numero infinito di mondi, si riferiva a sistemi simili a quello che credeva fosse nostro: una terra piatta contenuta in una sfera celeste. Ma senza dubbio, nonostante i suoi errori, la visione cosmica di Lucrezio è ancora curiosamente profetica.

Si ritiene che i fanatici cristiani abbiano distrutto la Biblioteca di Alessandria dove la conoscenza dell'umanità fu concentrata fino a quel momento, l'accademia di Platone fu chiusa, il Serapetum di Alessandria, il centro della conoscenza, fu distrutto e molti dei saggi che erano nei loro campi furono uccisi.

Gli studiosi sono fuggiti da Alessandria e Roma a Bisanzio e la scienza ha avuto una nuova fase di sviluppo nel campo dell'Islam.

◄ PrecedenteAvanti ►
Astronomia ad AlessandriaAstronomia nella corte di Visigoda

Video: RETESOLE TG LAZIO Astronomia, a Roma la conferenza "Viaggiare tra le stelle - Dalla Luna a Marte" (Settembre 2020).