Terra e luna

Atmosfera terrestre

Atmosfera terrestre

Lo strato esterno della Terra è gassoso, di composizione e densità molto diverse rispetto agli strati solidi e liquidi sottostanti.

Ma il Atmosfera terrestre È l'area in cui si sviluppa la vita e, inoltre, ha un'importanza trascendentale nei processi di erosione che sono ciò che ha formato il paesaggio attuale.

I cambiamenti che si verificano nell'atmosfera contribuiscono in modo decisivo ai processi di formazione e sostentamento degli esseri viventi e determinano il clima.

Composizione dell'aria

I gas fondamentali che formano l'atmosfera sono: Azoto (78,084%), Ossigeno (20,946%), Argon (0,934%) e Anidride carbonica (0,033%). Altri gas di interesse presenti nell'atmosfera sono il vapore acqueo, l'ozono e diversi ossidi.

Ci sono anche particelle di polvere in sospensione, come particelle inorganiche, piccoli organismi o loro resti e sale marino. Molte volte queste particelle possono servire da nuclei di condensazione nella formazione di nebbie altamente contaminanti.

Vulcani, esseri viventi e, per un secolo, le attività umane sono responsabili dell'emissione nell'atmosfera di diversi gas e particelle inquinanti che hanno una grande influenza sui cambiamenti climatici e sul funzionamento degli ecosistemi.

L'aria è concentrata vicino alla superficie, compressa dall'attrazione di gravità e, all'aumentare dell'altezza, la densità dell'atmosfera diminuisce molto rapidamente. Nei 5,5 chilometri più vicini alla superficie è la metà della massa totale e prima dei 15 chilometri di altezza è il 95% di tutta la materia atmosferica.

La miscela di gas che chiamiamo aria mantiene la proporzione dei suoi diversi componenti quasi invariabile fino a 80 km, sebbene sempre più rarefatta (meno densa) mentre saliamo. A partire da 80 km la composizione diventa più variabile.

Formazione dell'atmosfera

La miscela di gas che forma l'aria attuale si è sviluppata oltre 4,5 miliardi di anni. L'atmosfera originale doveva essere composta esclusivamente da emanazioni vulcaniche, cioè vapore acqueo, anidride carbonica, anidride solforosa e azoto, con quasi nessuna traccia di ossigeno.

Per realizzare la trasformazione hanno dovuto sviluppare una serie di processi. Uno di questi era la condensa. Al raffreddamento, la maggior parte del vapore acqueo di origine vulcanica si è condensato, dando origine agli antichi oceani. Si sono verificate anche reazioni chimiche. Parte dell'anidride carbonica ha dovuto reagire con le rocce nella crosta terrestre per formare carbonati, alcuni dei quali si sarebbero dissolti nei nuovi oceani.

Più tardi, quando la vita primitiva si è evoluta in grado di eseguire la fotosintesi, ha iniziato a produrre ossigeno. Circa 570 milioni di anni fa, il contenuto di ossigeno nell'atmosfera e negli oceani è aumentato abbastanza da consentire l'esistenza della vita marina. Più tardi, circa 400 milioni di anni fa, l'atmosfera conteneva abbastanza ossigeno per consentire l'evoluzione di animali terrestri in grado di respirare aria.

◄ PrecedenteAvanti ►
Lo strato d'aria che circonda la TerraStrati dell'atmosfera terrestre


Video: L'atmosfera: struttura e composizione (Gennaio 2022).