Dizionario

Tornado

Tornado

Un tornado (dal latino tonare, "girare") è un turbine di forte vento, accompagnato da una caratteristica nuvola a forma di camino che scende da una nuvola cumulonembo. A volte chiamato ciclone.

Un tornado può avere una larghezza da pochi metri a quasi un chilometro nell'area di contatto del terreno, con una media di poche centinaia di metri. Può penetrare poco sulla terra o percorrere molti chilometri, causando gravi danni nel punto in cui scende.

Il camino è visibile dalla polvere aspirata e dalla condensa delle gocce d'acqua al centro. Lo stesso processo di condensazione rende visibili tornado marini, generalmente più deboli, chiamati trombi marini, che si verificano più frequentemente nelle acque tropicali. La maggior parte dei tornado ruota in senso orario nell'emisfero meridionale e viceversa nell'emisfero settentrionale, ma a volte i tornado possono invertire questo comportamento.

I caminetti sono sempre associati a movimenti violenti nell'atmosfera, compresi i forti aggiornamenti e il passaggio dei fronti. I tornado si sviluppano in aree di bassa pressione con forti venti. La velocità del vento del camino stesso può superare i 480 km / h, sebbene velocità superiori agli 800 km / h siano state stimate in tempeste molto violente.

I tornado sono più comuni e frequenti alle latitudini temperate e di solito si formano all'inizio della primavera. La stagione del tornado è ritardata dall'aumento della latitudine. Il numero di tornado che si verificano ogni anno varia notevolmente nella stessa regione.

Possibili tornado sono stati rilevati nelle atmosfere dei giganteschi pianeti gassosi, Giove, Saturno, Urano e Nettuno.


◄ PrecedenteAvanti ►
topografiaTorre solare

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ