Dizionario

Osservatorio astronomico

Osservatorio astronomico

È un centro di ricerca dedicato allo studio del cielo e dotato di strumenti per l'osservazione dei fenomeni celesti.

Il concetto di osservatorio astronomico ha subito una profonda evoluzione nel tempo. Precedentemente, quando l'astronomia era intimamente legata alle credenze religiose, gli osservatori coincidevano con i templi per il culto delle divinità. È nel Medioevo che viene affermata la concezione di un osservatorio come luogo di incontro per astronomi e strumenti. Nei secoli seguenti, l'osservatorio è di solito installato in una torre elevata della città.

Tuttavia, dopo i primi decenni del ventesimo secolo, si manifesta la richiesta di allontanarsi dall'inquinamento chimico e luminoso della metropoli. Quindi gli osservatori sono stabiliti in luoghi deserti e alti, dove il cielo notturno è buio e il numero di giorni sereni ogni anno è molto alto.

Dal 196, infine, grazie allo straordinario progresso della fisica dello spazio e delle tecniche automatiche di esplorazione dello spazio, iniziò la costruzione di osservatori astronomici orbitali.

È ora possibile per un astronomo sfruttare le sue ore di osservazione con un grande strumento, comodamente seduto nella stanza del suo istituto universitario, controllando il telescopio da remoto attraverso un terminale collegato a un computer centrale che svolge tutte le funzioni del grande strumento.


◄ PrecedenteAvanti ►
Obiettivo (ottico)Oculare (ottico)

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ

Video: L'Osservatorio astronomico d'Abruzzo punta in alto (Febbraio 2020).