Terra e luna

Il mantello e il nucleo della Terra

Il mantello e il nucleo della Terra

La crosta terrestre è uno strato molto sottile se confrontato con il mantello e il nucleo del pianeta

Qual è il mantello di terra? La crosta terrestre è formata da piastre più o meno rigide che poggiano o galleggiano su un materiale viscoso ad alta temperatura, chiamato mantello. A volte, questi materiali affiorano in superficie attraverso l'eruzione di vulcani. Inoltre, fluiscono continuamente attraverso le crepe nelle creste oceaniche per formare una nuova crosta.

Circa 3.000 km di profondità è il Nucleo della Terra, un'area in cui predominano i metalli e che, lungi dall'essere indifferente, influenza la vita sul pianeta, poiché è considerata responsabile della maggior parte dei fenomeni magnetici ed elettrici che caratterizzano il nostro pianeta. La Terra ha un campo magnetico attorno ad essa grazie al suo nucleo e questo ci protegge dalle radiazioni solari dannose.

I materiali più pesanti sul nostro pianeta si trovano nel mantello e nel nucleo della Terra e costituiscono la maggior parte della sua massa.

Il mantello terrestre

Il mantello della Terra è uno strato di circa 2.900 km di spessore, costituito da rocce più dense, dove predominano i silicati.

A circa 650-670 km di profondità c'è una speciale accelerazione delle onde sismiche, che ha permesso di definire un confine tra il mantello superiore e quello inferiore. Questo fenomeno è dovuto a un cambiamento nella struttura, che passa da un mezzo plastico a uno rigido, dove è possibile preservare la composizione chimica generale dell'intera area.

La crosta continentale è cresciuta da una differenziazione chimica del mantello superiore iniziata circa 3,8 miliardi di anni fa. Alla base del mantello superiore la densità è di circa 5,5 grammi per centimetro cubo.

Nella parte superiore del mantello terrestre ce ne sono alcuni correnti di convezione, simile all'acqua che bolle in una pentola, spostandosi dalla parte inferiore, più calda, a quella superiore, più fresca. Queste correnti sono il motore che muove le placche litosferiche.

Nucleo della Terra

Il nucleo della Terra è una gigantesca sfera metallica che ha un raggio di 3.485 km, cioè una dimensione simile al pianeta Marte. La densità varia, da circa 9 grammi per centimetro cubo sul bordo esterno a 12 sulla parte interna. Il nucleo della Terra è costituito principalmente da ferro e nichel, con aggregati di rame, ossigeno e zolfo.

il nucleo esterno È liquido, con un raggio di 2.300 km. La differenza con il nucleo interno si manifesta con un forte aumento della velocità delle onde sismiche "P" a una profondità compresa tra 5.000 e 5.200 km.

il nucleo interno Ha un raggio di 1.220 km. Si ritiene che sia solido e abbia una temperatura tra 4.000 e 5.000 ° C. È possibile che il nucleo interno sia il risultato della cristallizzazione di quella che era una massa liquida di grandezza maggiore e che questo processo di crescita continui.

L'energia termica del nucleo influenza il mantello, in particolare nelle correnti di convezione. Attualmente si ritiene che il nucleo interno abbia un movimento rotatorio ed è possibile che stia crescendo a spese dell'esterno, che è ridotto.

Molti scienziati ritengono che 4.000 milioni di anni fa la Terra avesse già un campo magnetico causato da un nucleo di metallo. La sua formazione ha segnato il confine tra il processo di consolidamento e il raffreddamento superficiale.

Viene chiamato il punto di attrito tra il nucleo e il mantello Discontinuità di Gutenberg in onore di Beno Gutenberg, un sismologo tedesco che lo scoprì nel 1914. È profondo circa 2900 km. Questo limite è responsabile del magnetismo terrestre, che si verifica quando i materiali metallici del nucleo esterno sfregano contro i silicati del mantello terrestre.

◄ PrecedenteAvanti ►
La crosta terrestreMagnetismo ed elettricità sulla Terra

Video: La struttura della Terra (Aprile 2020).