Astronomia

Cosa accadrebbe al nostro sistema solare se la Via Lattea entrasse in collisione con la galassia di Andromeda, qualche pianeta sopravvivrebbe?

Cosa accadrebbe al nostro sistema solare se la Via Lattea entrasse in collisione con la galassia di Andromeda, qualche pianeta sopravvivrebbe?

C'è una possibilità se qualche pianeta nel nostro sistema solare sopravvive quando la Via Lattea e Andromeda si scontrano?


La loro è una possibilità molto scarsa di sopravvivenza per noi, ma potremmo sopravvivere un po' più a lungo se colpisce dalla direzione opposta a noi, ma poi di nuovo, gli umani probabilmente saranno estinti per allora. Inoltre, cerca di avere più dettagli nelle tue domande.


E se la Via Lattea e le galassie di Andromeda si fossero scontrate?

Vedi quell'oggetto luminoso nel cielo? Questa è Andromeda, la grande galassia più vicina alla nostra Via Lattea e la cosa più lontana che puoi vedere ad occhio nudo. E… sta correndo verso di noi a una velocità di 110 km al secondo (68 miglia al secondo). Alla fine, tra 4 miliardi di anni, Andromeda fonderà la nostra Via Lattea in un'enorme collisione galattica.

Ma cosa accadrebbe se queste galassie dovessero scontrarsi domani? Cosa succederebbe?

Tutte le stelle e i pianeti si sarebbero imbattuti improvvisamente l'uno nell'altro? Il nostro sistema solare potrebbe sopravvivere a questo enorme incidente?

E come sarebbe questo spettacolo di luci galattiche dalla Terra? Ecco cosa accadrebbe se la Via Lattea e la galassia di Andromeda si scontrassero.

Ci sono almeno 100 miliardi di galassie nell'universo osservabile, tutte in collisione tra loro. Le galassie più grandi si fondono ogni 9 miliardi di anni, mentre quelle più piccole si scontrano ancora più spesso. Ma aspetta, che dire dell'energia oscura? Questa forza ipotizzata non sta forse separando l'universo e tutto ciò che contiene?

Lo è di sicuro. Per le galassie vicine, tuttavia, la gravità prende il sopravvento. Andromeda e la Via Lattea non fanno eccezione. Entrambi contengono buchi neri supermassicci centrali, che alla fine uniranno i due sistemi stellari. Immagina se quella gigantesca collisione dovesse accadere domani. Come sarebbe?

Andromeda è abbastanza lontana. Non poteva semplicemente superare la distanza di 2,5 milioni di anni luce in un solo giorno. Supponiamo che, in qualche modo, il buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea abbia aumentato la sua attrazione gravitazionale sul buco nero di Andromeda e che "The Big Crunch" sia avvenuto 4 miliardi di anni prima del previsto. Cosa c'è dopo?

Primo, non ci sarebbe la Via Lattea e nemmeno Andromeda. Le due galassie a spirale diventerebbero un tipo completamente diverso di galassia – ellittica. Puoi chiamare la nuova galassia “Milkomeda,” o “Milkdromeda” – come preferisci.

Una volta che Andromeda avesse invaso lo spazio personale della Via Lattea, il Sole e il nostro intero Sistema Solare sarebbero stati costretti alla periferia della galassia appena formata, a 26.000 anni luce di distanza.

E questo è lo scenario migliore. Nel peggiore dei casi, potremmo finire in una Siberia galattica a – 160.000 anni luce di distanza dal centro di Milkomeda. E tutte le stelle in entrambe le galassie? Si sarebbero scontrati tra loro?

Alcuni di loro lo farebbero. Ma anche se la Via Lattea conta circa 250 miliardi di stelle e Andromeda ne ha oltre un trilione, tutte quelle stelle sono separate da anni luce di spazio vuoto. È improbabile che molti di loro si uniscano. Invece, sarebbero semplicemente dispersi in orbite diverse.

Ooooh – Ho dimenticato di dire che abbiamo invitato una terza galassia a questa festa…. Anche la galassia Triangulum, o M33, galassia satellite più piccola di Andromeda, si unirà a noi. Si preannuncia come un enorme mashup galattico.

Per noi terrestri, questo sembrerebbe semplicemente incredibile. Il nucleo luminoso della nuova supergalassia avrebbe incendiato il cielo notturno. Alla fine, i due buchi neri supermassicci al centro di queste galassie si sarebbero avvicinati così tanto da fondersi loro stessi. Tutto il gas assorbito da questo mostruoso buco nero formerebbe un quasar luminoso al centro della galassia.

Un altro spettacolo spettacolare per noi qui sulla Terra. Peccato, in realtà il nostro pianeta non vivrà abbastanza a lungo da poterlo vedere. Quando Andromeda si schianta contro la Via Lattea, il Sole si sarebbe già trasformato in un Gigante Rosso e avrebbe inghiottito l'intera Terra.


Galassia vicina destinata a scontrarsi con la Via Lattea, affermano gli scienziati

Come se le finanze malconce post-natalizie, un'incombente disordinata Brexit e la prospettiva di una nuova corsa agli armamenti nucleari non fossero abbastanza per smorzare gli animi, gli astronomi hanno dichiarato che una galassia vicina si schianterà contro la Via Lattea e potrebbe spingere il nostro sistema solare lontano nel vuoto cosmico.

La sfortunata scoperta è stata fatta dopo che gli scienziati hanno eseguito simulazioni al computer sul movimento della Large Magellanic Cloud (LMC), una delle tante galassie satellite che orbita intorno alla Via Lattea. Piuttosto che girare a distanza di sicurezza o liberarsi dall'attrazione gravitazionale della Via Lattea, i ricercatori hanno scoperto che l'LMC è destinato a sferragliare nella galassia che chiamiamo casa.

Al momento, si stima che l'LMC si trovi a circa 163.000 anni luce dalla Via Lattea e si allontani a 250 miglia al secondo. Ma le simulazioni degli astrofisici della Durham University mostrano che l'LMC alla fine rallenterà e tornerà verso di noi, schiantandosi infine nella Via Lattea tra circa 2,5 miliardi di anni.

Una simulazione di una galassia satellitare in collisione con una rappresentazione della Via Lattea – video

Mentre è improbabile che singole stelle e pianeti si scontrino, l'arrivo di una galassia che pesa fino a 250 miliardi di soli continuerà a provocare il caos. "L'intera Via Lattea sarà scossa e l'intero sistema solare potrebbe essere espulso nello spazio", ha affermato Carlos Frenk, direttore dell'Institute for Computational Cosmology a Durham. "Se ciò accade, non vedo come i nostri discendenti, se ne abbiamo, saranno in grado di resistervi".

Tuttavia, non è tutto negativo. Le probabilità che la collisione getti il ​​sistema solare in una regione dello spazio più rarefatta sono scarse, riportano i ricercatori negli Avvisi mensili della Royal Astronomical Society. Marius Cautun, il primo autore dell'articolo, ha affermato che le possibilità di esilio cosmico erano di circa l'1-3%.

In un certo senso, la collisione con l'LMC è attesa da tempo. La Via Lattea è un bizzarro tra le galassie a spirale. L'alone di stelle che circonda il suo disco galattico contiene molte meno stelle rispetto alle galassie comparabili. Ma non è tutto. Il buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea è misero, solo un decimo di quello che si trova nel cuore di galassie simili.

La fusione galattica cambierà tutto questo. "Una volta che l'LMC verrà divorato dalla Via Lattea, la nostra galassia diventerà una bellissima e normale spirale", ha detto Frenk. "La maggior parte dell'alone diventerà stelle del LMC e il buco nero si rimpinzarà di questa improvvisa e inaspettata abbondanza di carburante e impazzirà".

L'LMC contiene grandi quantità di gas che verranno divorate dal buco nero supermassiccio fino a raggiungere fino a 10 volte la sua massa attuale. Man mano che si alimenta, il buco nero diventerà "attivo" e invierà potenti getti di radiazioni ad alta energia. Mentre intensi fasci di radiazioni gamma possono potenzialmente innescare estinzioni di massa, è improbabile che le radiazioni guidate dal buco nero rappresentino una minaccia per qualsiasi vita che possa esistere sulla Terra, scrivono gli autori.

In passato, gli astronomi che si occupavano della scomparsa della Via Lattea hanno concentrato la loro attenzione sull'imminente collisione con la galassia di Andromeda. A cinque volte la massa della Grande Nube di Magellano, Andromeda potrebbe distruggere completamente la Via Lattea quando i due si scontrano. Quella catastrofe cosmica è prevista tra circa quattro miliardi di anni.

Ma la fusione con LMC potrebbe posticipare il cataclisma, ha affermato Frenk. "Uno dei sottoprodotti della collisione con l'LMC è che ritarderà l'armageddon", ha detto. “Sposterà un po' la Via Lattea e questo potrebbe farci guadagnare un paio di miliardi di anni.

"L'LMC è grande ma non distruggerà completamente la nostra galassia", ha detto. “Produrrà questi incredibili fuochi d'artificio, ma non ha la massa per creare un enorme disturbo. La collisione con Andromeda sarà davvero un armageddon. Quella sarà davvero la fine della Via Lattea come la conosciamo".


La galassia di Andromeda un giorno si scontrerà con la nostra Via Lattea?

Per decenni, gli astronomi hanno affermato che la nostra galassia natale, la Via Lattea, è destinata un giorno a scontrarsi con la galassia a spirale più vicina, in direzione della costellazione di Andromeda. Quando si scontreranno, il nostro sole sarà probabilmente scagliato in una nuova regione dello spazio galattico.

C'è un numero più preciso per questo? un giorno? Gli scienziati dicono che accadrà tra quattro miliardi di anni. Gli astronomi della NASA affermano che ora possono prevedere con certezza il tempo di questa collisione di galassie titaniche. Basano questo numero sulle minuziose misurazioni del telescopio spaziale Hubble della NASA del movimento della galassia di Andromeda, che è anche chiamata M31. Gli scienziati hanno detto:

La galassia è ora lontana 2,5 milioni di anni luce, ma sta inesorabilmente precipitando verso la Via Lattea sotto l'attrazione reciproca della gravità tra le due galassie e l'invisibile materia oscura che le circonda entrambe.

Questa immagine rappresenta il cielo notturno della Terra in 3,75 miliardi di anni. La galassia di Andromeda (a sinistra) riempirà il nostro campo visivo quindi, dicono gli astronomi, mentre si dirige verso una collisione con la nostra galassia della Via Lattea. Credito immagine: NASA ESA Z. Levay e R. van der Marel, STScI T. Hallas e A. Mellinger

Quando accadrà, dicono questi astronomi, la nostra Via Lattea subirà un "grande restyling". Ad esempio, secondo questi scienziati:

È probabile che il sole verrà scagliato in una nuova regione della nostra galassia, ma la nostra Terra e il nostro sistema solare non corrono alcun pericolo di essere distrutti.

Sì. Buono a sapersi. E comunque il nostro sole – che è una stella di mezza età– ha circa quattro miliardi e mezzo di anni.

In conclusione: secondo gli astronomi, la nostra galassia della Via Lattea e la galassia di Andromeda si scontreranno tra quattro miliardi di anni.


Il lato positivo

Niente di tutto questo suona come una buona notizia (e non lo è), ma la spaventosa verità è che le galassie si scontrano continuamente l'una con l'altra. Si ritiene che un altro dei nostri vicini non così amichevoli, la galassia "cannibale" di Andromeda, si sia scontrato e mangiato la galassia sorella maggiore della Via Lattea e sia nel mezzo di un'altra fusione con la galassia M32. Lo stesso vale per la galassia Whirlpool e il suo compagno M51b.

Per quanto terribile sarà per tutti gli umani rimasti, un tale incidente riporterebbe effettivamente la Via Lattea alla "normalità", come scrive il team nel loro articolo. La nostra galassia è estremamente insolita in quanto “ha un buco nero supermassiccio centrale anemico (circa 10 volte più piccolo delle galassie delle sue dimensioni) ha un minuscolo alone di vecchie stelle (anche circa 5 volte più piccolo del tipico) il suo alone ha una chimica non sviluppata e ha questo satellite di grandi dimensioni, l'LMC, in agguato", afferma Cautun. Stranamente, non sembra aver avuto una collisione con altre galassie per circa 10 miliardi di anni, quindi un incidente, dice, è "attesa da tempo".

Cautun e il suo team hanno in programma di utilizzare nuovi dati sull'LMC dalla missione spaziale Gaia per prevedere meglio il momento esatto dell'imminente incidente. Ma ora che siamo consapevoli di quanto sia atipica la Via Lattea rispetto ai suoi pari, può dire con sicurezza: "La collisione rimetterà tutto a posto".


Quando le galassie si scontreranno, il nostro sistema solare farà un giro

La Via Lattea e la galassia di Andromeda si stanno avvicinando a una velocità di 300.000 miglia orarie.

Non è certo se siamo in serbo per una collisione frontale o un semplice spostamento laterale da parte delle due enormi galassie. Gli astronomi dovranno prima utilizzare nuovi e potenti telescopi per misurare con precisione il movimento tangenziale di Andromeda attraverso il cielo. (Proprio come un esterno di baseball stima se una palla si sta dirigendo direttamente verso di lui o lo mancherà determinando se la palla si muove lateralmente.)

Nuovi calcoli dei teorici T.J. Cox e Avi Loeb dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics mostrano che il Sole e i suoi pianeti saranno esiliati ai confini della galassia fusa Via Lattea/Andromeda.

"Si potrebbe dire che ci stanno mandando in una casa di riposo in campagna", ha detto Cox. "In questo momento viviamo nei sobborghi della Via Lattea, ma è probabile che ci sposteremo molto più lontano dopo l'imminente scontro cosmico".

Le simulazioni al computer di Cox e Loeb mostrano che grandi cambiamenti stanno arrivando in soli 2 miliardi di anni, quando la Via Lattea e Andromeda sperimenteranno il loro primo passaggio ravvicinato. Uno spettatore sulla Terra vedrebbe il cielo notturno evolversi da una striscia di stelle (la Via Lattea vista di lato) a un caos confuso mentre la potente attrazione di Andromeda lancia le stelle dalle loro orbite maestose.

A quel tempo, il Sole sarà ancora una stella di sequenza principale che brucia idrogeno, anche se si sarà illuminata e riscaldata abbastanza da far bollire gli oceani dalla Terra.

Le due galassie oscilleranno l'una intorno all'altra un paio di volte, mescolando le loro stelle mentre le forze gravitazionali le mescolano.

Tra circa 5 miliardi di anni, Andromeda e la Via Lattea si saranno completamente combinate per formare un'unica galassia ellittica a forma di pallone. Il Sole sarà una stella in via di invecchiamento che si avvicina alla fase di gigante rossa e alla fine della sua vita. Esso e il sistema solare risiederanno probabilmente a 100.000 anni luce dal centro della nuova galassia, 4 volte più lontano dell'attuale distanza di 25.000 anni luce.

Tutti i discendenti degli umani che osservano il cielo futuro sperimenteranno una visione molto diversa. La striscia della Via Lattea scomparirà, sostituita da un enorme rigonfiamento di miliardi di stelle. I futuri scienziati potrebbero considerare la ricerca di oggi come la prima previsione delle cose a venire.

Una collisione diretta porterebbe a una grande fusione tra i due colossi, e la Via Lattea non sarebbe più la spirale a girandola che conosciamo, ma si evolverebbe in un'enorme galassia ellittica.

Non accadrebbe prima di cinque miliardi di anni nel futuro. A quel punto il Sole potrebbe essersi estinto e la Terra ridotta a una cenere gelida e senza vita. È impossibile prevedere se ci sarebbe qualche traccia di umanità colonizzata tra le stelle, per non parlare delle civiltà extraterrestri intorno a testimoniare questa grande collisione.

La collisione impiegherà diversi miliardi di anni per compiere pienamente il suo corso, quindi sarà difficile per una civiltà, come la nostra, comprendere appieno la vasta scala - sia nel tempo che nello spazio - della collisione.

Tuttavia, studiando coppie di altre galassie in collisione e utilizzando simulazioni al computer, gli astronomi possono assemblare una serie di istantanee del processo di collisione e ottenere un'anteprima di ciò che potrebbe eventualmente accadere alla nostra galassia.

Ecco uno scenario di come la Via Lattea potrebbe cambiare se dovesse avere una collisione frontale con Andromeda.

Oggi, la galassia di Andromeda appare semplicemente come una macchia di luce a forma di fuso nel cielo autunnale settentrionale. Poiché dista 2,2 milioni di anni luce, ovvero circa 20 volte il diametro della nostra galassia, la Via Lattea, appare solo quattro volte la larghezza della luna piena. Man mano che le due galassie si avvicinano, Andromeda diventerà sempre più grande nel cielo, somigliando a una misteriosa spada di luce incandescente.

Quando la galassia di Andromeda e la nostra galassia della Via Lattea saranno abbastanza vicine, verranno compressi enormi gruppi di fredde e giganti nubi molecolari, ognuna delle quali misura da decine a centinaia di anni luce. Come collegare una serie di lampadine natalizie, questi nodi scuri si illumineranno mentre milioni di stelle prendono vita. La maggior parte di queste stelle si troverà in ammassi blu brillanti, molti dei quali 100 volte più luminosi degli ammassi globulari originali già presenti nelle due galassie.

Anche il disco di polvere e stelle che per miliardi di anni ha segnato le corsie della nostra galassia e della galassia di Andromeda, comincerà a sfaldarsi sotto l'attrazione gravitazionale delle due galassie. Mentre Andromeda sorvola la nostra galassia, il cielo crescerà sempre più alla rinfusa con strisce di polvere, gas e giovani stelle brillanti e ammassi stellari.

Nasceranno così tante nuove stelle che la frazione di stelle massicce presenti aumenterà drammaticamente. Queste stelle inizieranno a scoppiare come una serie di petardi mentre si autodistruggono come supernova.

Dopo aver oscillato vicino alla nostra galassia, Andromeda impiegherà forse 100 milioni di anni per fare una lenta e graziosa inversione a U, prima di immergersi quasi direttamente nel nucleo della Via Lattea. Si verificherà quindi un'altra esplosione di formazione stellare ancora più spettacolare, con i venti delle supernove che espelleranno la maggior parte del gas e della polvere rimanenti dalla galassia. Presto sia le vecchie che le nuove stelle delle due galassie si mescoleranno per formare un'unica galassia di forma ellittica.

Mentre le stelle si stabiliscono gravitazionalmente nella loro nuova casa, attraverso un processo dinamico chiamato "rilassamento violento", ogni accenno alla Via Lattea e ad Andromeda come maestose galassie a spirale scomparirà. La banda conosciuta come la Via Lattea se ne andrà, ma in un lontano futuro alcuni astronomi potrebbero guardare un cielo stellato e guardare fino al centro della nuova galassia ellittica. Non avrebbero idea che una volta esistessero due maestose galassie a spirale, chiamate Via Lattea e Andromeda da una civiltà a lungo dimenticata.


Quando le galassie si scontrano, il destino della Terra si attenua, dicono gli esperti / Via Lattea e Andromeda destinate a fondersi tra 2 miliardi di anni

Il riscaldamento globale, la guerra in Iraq, i problemi economici, la paura del terrorismo - e ora, proprio quando sembrava che le cose non potessero andare peggio, gli astronomi prevedono che il sole - e la Terra con esso - saranno scagliati nello spazio profondo quando la nostra galassia si scontra con una galassia vicina.

La collisione galattica non accadrà prima di qualche miliardo di anni, ma quando accadrà, l'intero sistema solare sarà espulso dal suo posto attuale nei luminosi "sobborgi" galattici verso i confini galattici, dove ci saranno molte meno stelle da guidare marinai e per ispirare i romantici.

Mai più i cieli notturni saranno belli come ora.

Questa notizia poco solare arriva dall'astronomo di Harvard Thomas Cox e dal suo collega Avi Loeb, che hanno utilizzato un modello di supercomputer per prevedere come le due galassie inizieranno a scontrarsi tra circa 2 miliardi di anni.

"Questi tipi di eventi di fusione sono molto comuni", ha detto Cox, un borsista post-dottorato presso l'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics a Cambridge, Massachusetts, ed ex residente a San Francisco. "Sono in una certa misura istantanee di ciò che riserva la nostra evoluzione futura".

Cox, 33 anni, è cresciuto a Santa Barbara, ha vissuto a Nob Hill dal 1996 al 1998 e ha conseguito il dottorato in astrofisica all'UC Santa Cruz nel 2004.

Loeb, professore di astronomia ad Harvard che lavora anche all'Harvard-Smithsonian Center, è una delle principali autorità sull'evoluzione delle galassie e del cosmo.

Il nostro sole è una delle poche centinaia di miliardi di stelle della Via Lattea, un turbinio di stelle simile a una girandola.

La più grande vicina della Via Lattea è un'altra galassia, Andromeda, che dista più di 2 milioni di anni luce. Un anno luce è la distanza percorsa da un raggio di luce in un anno. Un'astronave che viaggia alla velocità della luce impiegherebbe più di 2 milioni di anni per raggiungere Andromeda.

Ma nessun aspirante Buck Rogers ha bisogno di volare su Andromeda, perché sta volando verso di noi, a circa 60 miglia al secondo, forse più velocemente. In altre parole, la Via Lattea e Andromeda sono destinate a scontrarsi, dicono gli astronomi.

Da quasi un secolo gli astronomi sanno che Andromeda si sta avvicinando alla Via Lattea. Hanno concluso questo dopo aver analizzato lo spettro luminoso di Andromeda mentre si spostava verso il blu. In astronomia, se gli oggetti stanno diventando più blu, si stanno muovendo verso l'osservatore, mentre gli oggetti che stanno diventando più intensamente rossi si stanno allontanando. Gli astronomi continuano a dibattere, tuttavia, sull'esatta velocità e direzione di Andromeda, se è puntata direttamente verso la Via Lattea o ad angolo.

Ad ogni modo, gli astronomi concordano sul fatto che le due galassie sono così grandi che non si perderanno l'un l'altra. In questo momento, Andromeda è così lontana che appare come un piccolo, debole bagliore nel cielo notturno. Ma mentre si avvicina alla Via Lattea, le sue centinaia di miliardi di stelle si estenderanno da un orizzonte all'altro.

Usando il loro modello al computer, Cox e Loeb prevedono che dopo la collisione tra circa 2 miliardi di anni, la Via Lattea e le galassie di Andromeda saranno unite dalla gravità e si fonderanno in un'unica super galassia sferica - "Milkomeda", come Cox e Loeb chiamalo.

In entrambe le galassie, le stelle sono così ampiamente separate - in genere trilioni di miglia di distanza - che è altamente improbabile che una stella colpisca un'altra stella durante la fusione.

La fusione, tuttavia, non sarà del tutto tranquilla. Durante la collisione, molte stelle verranno scagliate fuori dalla galassia, o almeno nei confini galattici, come una celebrità di Broadway in via di estinzione che finisce la sua carriera recitando nei teatri di Toledo.

Secondo la simulazione al computer di Cox e Loeb, il nostro sole sarà probabilmente uno di quegli sfortunati rifugiati scagliati verso il confine galattico. Il sole è attualmente abbastanza lontano dal centro della Via Lattea, circa 25.000 anni luce. Ciò significa che è meno legato dalla gravità al denso centro galattico rispetto alle stelle più vicine.


Via Lattea - Collisione di Andromeda

Questo è il futuro della nostra galassia. Tra circa 3-4 miliardi di anni inizieremo la nostra fusione con la Galassia di Andromeda e dopo un miliardo di anni di fusione diventeremo un'enorme galassia ellittica. Durante questo processo non ci saranno vere collisioni tra le stelle poiché le distanze tra le stelle sono così grandi. Considera che il Sole ha le dimensioni di un pompelmo (15 cm). La Terra avrebbe le dimensioni di una capocchia di spillo (poco più di 1 mm) e questa capocchia di spillo orbiterebbe attorno al pompelmo a una distanza di 16 m. Se volessi posizionare un altro pompelmo che rappresenta la stella più vicina al nostro Sole (Proxima Centauri) in questo modello dove lo collocheresti? A circa 4300 km (o 2700 miglia) di distanza. Quindi, anche se due galassie si scontrano, puoi immaginare che non è molto probabile che due stelle si scontrino.

Ma cosa accadrà al nostro Sistema Solare? Non possiamo ancora rispondere a questa domanda. I calcoli mostrano che abbiamo una probabilità del 50% di orbitare attorno al nuovo centro della galassia tre volte più lontano di quanto siamo ora dal centro della Via Lattea. Ma c'è anche una probabilità del 12% che l'intero Sistema Solare venga completamente cacciato dalla nuova galassia. Ebbene, poiché il Sole inizierà la sua ultima fase di vita, la Terra diventerà comunque un luogo ostile dove non potremo più vivere. Quindi, se vogliamo sopravvivere, dovremo trovare un altro pianeta nella zona abitabile su cui stabilirci. Ma non preoccuparti, ce ne sono più che sufficienti. circa 10 miliardi anche solo nella nostra Via Lattea!

Se sei interessato a come apparirà questo processo in futuro visto dalla Terra, puoi dare un'occhiata alla nostra immagine della collisione Via Lattea-Andromeda.


Allacciare le cinture di sicurezza! La Via Lattea sta per scontrarsi con un'altra galassia!

Le persone intelligenti dello Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora hanno alcune informazioni inquietanti che ti stanno arrivando. Secondo un documento rilasciato dalla NASA, la nostra Galassia, la Via Lattea è in rotta di collisione con un'altra Galassia, la nostra vicina gigante, la Galassia di Andromeda. Conosciuta anche come M31, la Galassia di Andromeda è più grande della nostra Galassia, che a sua volta è tra le galassie più grandi che conosciamo. Ciò che è ancora più preoccupante è il fatto che questa collisione titanica dovrebbe ora avvenire molto prima di quanto previsto dagli astronomi nei loro studi precedenti. Anche unendosi alla squadra di collisione sarebbe stato ospite finora inaspettato, una piccola galassia irregolare conosciuta come il Triangulum (M33).

Inutile dire che questa massiccia collisione garantirebbe a tutte le galassie coinvolte un completo restyling. Si prevede che il nostro sistema solare, compreso il Sole, tutti i suoi pianeti, asteroidi e comete, verrebbe trascinato via in una nuova regione della nostra Galassia. Attualmente il nostro sistema solare si trova a circa 27.000 anni luce dal centro della nostra Via Lattea. È probabile che verremmo catapultati in un angolo ancora più distante della nuova galassia che si sarebbe formata dopo questo estremo rifacimento.

1. Perché le due galassie si scontrano? Non sono più felici di stare lontani?

La collisione è inevitabile anche se entrambe queste galassie giganti preferiscono la loro individualità. Questo perché la vastità delle due galassie si traduce in una forte attrazione gravitazionale tra loro che ha portato le due "cadute" l'una nell'altra.

2. Come sappiamo che queste due galassie si scontreranno?

Scienziati e astronomi della NASA e di altre agenzie globali hanno studiato scrupolosamente le misurazioni del movimento della Galassia di Andromeda ormai da anni. Il telescopio spaziale Hubble della NASA ha svolto un ruolo importante in questo studio con misurazioni accurate del movimento. Nel corso degli anni, hanno dedotto che l'Andromeda sta "cadendo" sulla Via Lattea e che una collisione è inevitabile.

3. Quanto velocemente sta "cadendo" la Galassia di Andromeda verso la Via Lattea e quanto dista da noi?

Le stime attuali mostrano che la Galassia di Andromeda è lontana da noi 2,5 milioni di anni luce. È una distanza pazzesca. Un raggio di luce che partisse dalla Galassia di Andromeda impiegherebbe 2,5 milioni di anni per raggiungerci. Questo nonostante il fatto che i raggi di luce percorrano 186.000 miglia al secondo. Ciò significa anche che l'immagine che vedi della Galassia di Andromeda è come appariva 2,5 milioni di anni fa! Ma poi, anche la Galassia di Andromeda sta cadendo verso di noi a una velocità incredibile. Le stime attuali dicono che sta viaggiando verso la Via Lattea a circa 250.000 miglia all'ora. Abbastanza veloce da viaggiare da qui alla luna in un'ora.

4. OK. Siamo condannati allora. Quanto sarebbe catastrofica la collisione? Le stelle e gli oggetti all'interno delle due galassie si scontreranno tra loro?

La collisione sarebbe una scena che ispira timore reverenziale per una persona che sta guardando tutto svolgersi da un'altra Galassia, molto lontana da noi. Per la maggior parte degli oggetti all'interno delle due galassie, tuttavia, sarebbe la vita come al solito. Ecco perché. Si stima che la Via Lattea contenga circa 300 miliardi di stelle e l'Andromeda circa 1 trilione. Anche se si tratta di numeri sorprendenti, la maggior parte dell'area nelle due galassie è uno spazio vasto e vuoto. Anche con l'enorme numero di oggetti che queste due galassie tengono insieme, è improbabile che qualcuna di esse si scontri l'una con l'altra perché c'è abbastanza spazio vuoto perché tutte possano "passarle". La scienziata Gurtina Besla della Columbia University di New York, NY, spiega,

Non sono necessarie precauzioni. Assicurati di vivere la tua vita su questo pianeta correttamente. Questo perché è improbabile che qualcuno di noi, o anche la specie umana nel suo insieme, sia in giro per vedere questa collisione. Stime più recenti dicono che ci vorrebbero altri 4 miliardi di anni ad Andromeda prima che colpisca la Via Lattea. Per mettere le cose in prospettiva, la terra stessa ha solo circa 4,5 miliardi di anni, lo stesso è il caso del sole. Si prevede che il sole durerà altri 4,5 miliardi di anni prima che le sue riserve di idrogeno si esauriscano e si trasformi in una gigante rossa, probabilmente consumando la terra. Se gli umani sopravvivono così a lungo, statene certi, saremmo su un altro pianeta. Tuttavia, è abbastanza probabile che noi, come specie, avremmo cessato di esistere nel momento in cui questa collisione inizia.

[caption align="aligncenter"] Questa serie di illustrazioni fotografiche mostra la prevista fusione tra la nostra galassia della Via Lattea e la vicina galassia di Andromeda.Prima riga, a sinistra: oggi.Prima riga, a destra: tra 2 miliardi di anni il disco dell'avvicinamento La galassia di Andromeda è notevolmente più grande.Seconda riga, a sinistra: in 3,75 miliardi di anni Andromeda riempie il campo visivo.Seconda riga, a destra: in 3,85 miliardi di anni il cielo è in fiamme con la nuova formazione stellare.Terza riga, a sinistra: in 3,9 miliardi di anni, la formazione stellare continua.Terza riga, a destra: in 4 miliardi di anni Andromeda è allungata in base alle maree e la Via Lattea diventa deformata.Quarta riga, a sinistra: In 5,1 miliardi di anni i nuclei della Via Lattea e di Andromeda appaiono come una coppia di lobi luminosi.Quarto Riga, destra: in 7 miliardi di anni le galassie unite formano un'enorme galassia ellittica, il cui nucleo luminoso domina il cielo notturno.[/caption]

6. Dannazione. Comunque, cosa succede dopo la collisione?

Prima di parlare dei postumi della collisione, dovremmo aggiungere che la collisione stessa durerebbe circa quattro miliardi di anni! Ci vorrebbero altri due miliardi di anni per completare l'intera sequenza. Alla fine, la Via Lattea e la Galassia di Andromeda, entrambe galassie a forma di spirale, si fonderebbero per formare un'enorme galassia ellittica. Ci sarebbe anche un nuovo centro galattico. Non c'è ancora chiarezza su come l'inclusione della galassia Triangulum (M33) influenzerebbe la collisione. Generalmente si pensa che l'M33 sia troppo piccolo per causare un impatto significativo. È anche probabile che M33 entri in collisione con la Via Lattea prima che Andromeda entri in collisione con la nostra galassia.

Ecco un video che mostra l'intera scala temporale della collisione e come apparirebbe a un osservatore da un punto di vista privilegiato. Questo è ovviamente se l'osservatore ha una durata di vita di oltre 7 miliardi di anni! Il primo frame è il presente, l'ultimo frame è tra 7 miliardi di anni.

Ancora una volta, l'enorme scala temporale coinvolta in questo enorme fenomeno intergalattico ci riporta alla realtà e ci ricorda ancora una volta quanto siamo tutti insignificanti nel grande schema delle cose.

Vuoi essere presente quando si svolgerà questa collisione tra la Via Lattea e la Galassia di Andromeda?


Cosa accadrebbe al nostro sistema solare se la Via Lattea entrasse in collisione con la galassia di Andromeda, qualche pianeta sopravvivrebbe? - Astronomia

Che ne sarà della Via Lattea in un remoto futuro? Diventerà instabile o evolverà in qualcosa di diverso?

Da sola, la Via Lattea non diventerà instabile. Continuerà a crescere cannibalizzando piccole galassie come le Nubi di Magellano (attualmente, la Via Lattea sta inghiottendo una piccola galassia nana).

Tuttavia, la galassia di Andromeda (che è di dimensioni simili o più grande della Via Lattea) è in questo momento diretta verso la Via Lattea e interagirà con le maree (tramite la gravità) o si scontrerà con la Via Lattea dopo diversi miliardi di anni. Un giorno, le due galassie si fonderanno e potrebbero diventare una galassia ellittica (come M87), o se la collisione avviene nel modo giusto, si riforma in una galassia a forma di disco ancora più grande. Tuttavia, questi eventi avranno luogo solo dopo un tempo MOLTO LUNGO.

Questa pagina è stata aggiornata l'ultima volta il 27 giugno 2015.

Circa l'autore

Jagadheep D. Pandian

Jagadheep ha costruito un nuovo ricevitore per il radiotelescopio di Arecibo che funziona tra i 6 e gli 8 GHz. Studia i maser a metanolo a 6,7 ​​GHz nella nostra Galassia. Questi maser si verificano nei siti in cui stanno nascendo stelle massicce. Ha conseguito il dottorato di ricerca presso la Cornell nel gennaio 2007 ed è stato borsista post-dottorato presso il Max Planck Institute for Radio Astronomy in Germania. Successivamente, ha lavorato presso l'Institute for Astronomy presso l'Università delle Hawaii come Submillimeter Postdoctoral Fellow. Jagadheep è attualmente all'Indian Institute of Space Scence and Technology.


Guarda il video: LA NOSTRA GALASSIA SI FONDERA CON ANDROMEDA (Dicembre 2021).