Sistema solare

La cintura di Kuiper

La cintura di Kuiper

Nel 1951 l'astronomo Gerard Kuiper postulò che doveva esserci una specie di disco protoprotetto, una cintura di asteroidi, sullo stesso piano del Sistema Solare

La cintura di Kuiper dovrebbe superare l'orbita di Nettuno, approssimativamente tra 30 e 100 unità astronomiche. Da questa cintura verrebbero le comete di breve periodo.

Dal 1992, con la scoperta del QB1 del 1992 e di molti altri che lo hanno seguito, c'erano prove reali dell'esistenza di un'enorme popolazione di piccoli corpi ghiacciati che orbitano oltre l'orbita del pianeta Nettuno.

Sebbene i valori delle stime siano abbastanza variabili, si stima che ci siano almeno 70.000 oggetti "transnettuniani" situati tra 30 e 50 unità astronomiche lontano dal Sole, con diametri superiori a 100 km.

Oltre i 50 UA, è possibile che vi siano più corpi di questo tipo, ma in ogni caso la loro posizione è molto difficile con le attuali tecniche di rilevamento. Le osservazioni mostrano anche che sono confinate a pochi gradi sopra o sotto il piano dell'eclittica. Questi oggetti sono noti come KBO (Kuiper Belt Objects).

Lo studio della fascia di Kuiper è molto interessante perché contiene oggetti molto primitivi, dalle prime fasi di accrescimento del sistema solare, e perché sembra essere la fonte di comete di breve periodo, proprio come lo è la nuvola di Oort di lungo periodo.

La cintura di Kuiper cessò di essere una semplice ipotesi quando alla fine di agosto 1992, con il telescopio di 2,2 metri dell'Università delle Hawaii, David Jewitt e Jane Luu scoprirono un oggetto distante circa 280 km di diametro chiamato 1992 QB1 . Questo è stato seguito da una serie di scoperte simili.

Dopo la scoperta del QB1 del 1992, lo studio degli oggetti transnettuniani è diventato un campo di astronomia di rapida evoluzione, con grandi progressi in campo teorico negli ultimi anni. Il numero di oggetti scoperti è in aumento e a poco a poco si stanno ottenendo nuove conoscenze sul loro significato e sulle caratteristiche fisiche.

Nel 2003, Eris (2003 UB313), il più grande pianeta nano conosciuto, fu scoperto nella Cintura di Kuiper. Probabilmente fu trascinato nell'orbita lontana che ora occupa dall'influenza gravitazionale di Nettuno, mentre il Sistema Solare si stava formando. Ha un satellite naturale chiamato disnomia.

Eris ha un'orbita molto eccentrica che si completa ogni 557 anni. Ora è quasi la massima distanza possibile dal Sole, circa 14,5 miliardi di chilometri. Come Plutone e il suo satellite Charon, Elis ha ghiacciato il metano sulla sua superficie. Sono gli unici tre corpi della Cintura di Kuiper in cui è stata rilevata, il che indica che deve essere estremamente freddo.

◄ PrecedenteAvanti ►
Plutone è un pianeta nanoCandidati per pianeti (transnettuniani)