Sistema solare

Planet Jupiter, un vecchio gigante gassoso

Planet Jupiter, un vecchio gigante gassoso

Giove È il più grande pianeta del sistema solare. Ha quasi due volte e mezzo la materia di tutti gli altri pianeti insieme e il suo volume è di 1.317 volte quello della Terra.

Dei cosiddetti pianeti esterni o giganti gassosi, Giove è quello più vicino al Sole. Ecco perché, e per le sue enormi dimensioni, è quello che possiamo vedere più luminoso nel cielo notturno.

Questo enorme pianeta prende il nome dal dio romano Giove, lo Zeus della mitologia greca. Ha una composizione simile a quella del Sole, formata da idrogeno, elio e piccole quantità di ammoniaca, metano, vapore acqueo e altri composti.

Giove è anche il più antico pianeta del Sistema Solare, anche più antico del Sole stesso: il suo nucleo solido si è formato quando la nebulosa solare non si era ancora condensata nella nostra stella. La presenza di quel nucleo è stata la chiave della dinamica di disco di accrescimento che ha finito per formare il sole.

Dati di baseGioveLa terra
Dimensione: raggio equatoriale69.911 km.6.378 km.
Distanza media dal sole778.412.000 km.149.600.000 km.
Giorno: periodo di rotazione sull'asse 9,84 ore23.93 ore
Anno: orbita attorno al sole11,86 anni1 anno
Temperatura superficiale media-121 º C15 º C
Gravità superficiale nell'equatore22,88 m / s29,78 m / s2

La sua rotazione è la più veloce tra tutti i pianeti del Sistema Solare. L'atmosfera di Giove è complessa, con nuvole e tempeste. Ecco perché mostra strisce di diversi colori e alcuni punti.

La Grande Macchia Rossa di Giove è una tempesta maggiore del diametro della Terra situata nelle latitudini tropicali dell'emisfero meridionale. Dura più di 300 anni e provoca venti di 500 km / h.

Giove ha un debole sistema ad anello, invisibile dalla Terra. Ha anche molti satelliti. Quattro di loro furono scoperti da Galileo nel 1610. Era la prima volta che qualcuno osservava il cielo con un telescopio.

il anelli di Giove Sono più semplici di quelli di Saturno. Sono formati da particelle di polvere gettate nello spazio quando i meteoriti si scontrano con le lune interne del pianeta.

Sia gli anelli che le lune di Giove si muovono all'interno di un enorme globo radiante intrappolato nella magnetosfera, il campo magnetico del pianeta, che è la più grande struttura conosciuta nel Sistema Solare.

Questo enorme campo magnetico, che raggiunge solo tra i 3 e 7 milioni di chilometri in direzione del Sole, viene proiettato nella direzione opposta per più di 750 milioni di km., Fino a quando non raggiunge l'orbita di Saturno.

Giove diffonde più calore di quello che riceve dal Sole. Genera quell'energia a causa dell'attrito dei fluidi che lo formano quando si muove e perché si restringe di circa due centimetri all'anno. Quando si formò era molto più caldo e aveva un diametro quasi doppio rispetto a quello attuale.

Varie missioni spaziali si sono avvicinate a Giove. Nel 1973 la sonda Pioner 10 volò via e, un anno dopo, la Pioner 11. Nel 1979 Voyager 1 e 2 furono responsabili di ulteriori studi; Hanno scoperto la loro attività vulcanica e il loro sistema ad anello.

Nel 1995 la missione Galileo iniziò un'esplorazione di sette anni e raccolse molte informazioni su Giove e sui suoi satelliti. Altre sonde sono passate vicino al pianeta gigante per usare la sua gravità come forza di accelerazione e, di passaggio, ottenere dati. Nel 2000, la sonda Cassini / Huygens si diresse verso Saturno e nel 2007 i New Horizons su Plutone.

il Sonda spaziale Juno È stato messo in orbita attorno al pianeta Giove nel 2016 per studiare le sue aurore, la sua atmosfera e la sua magnetosfera. Le agenzie dell'ESA e della NASA hanno in corso progetti per osservare da vicino Giove e il suo satellite europeo. Saremo attenti.

Scopri di più:
• Il pianeta Giove secondo Wikipedia
• Notizie su Giove in El País
• Aurora polare in Giove


◄ PrecedenteAvanti ►
Pianeti giganti gassosiI satelliti di Giove